Tram, Priolo: "Un comitato del NO c'era anche nell'800, noi guardiamo ai bisogni del futuro"

La Settimana Europea della Mobilità è l'occasione per una discussione sulla tramvia che potrebbe presto attraversare la città. L'assessore: "Stiamo guardando ai bisogni del futuro anche se questa intuizione l'avevamo avuta già 30 anni fa"

Uno sguardo a città come Dublino, Bruxelles, Strarburgo, Orleans, ma anche Firenze e Milano dove il tram è già un mezzo di trasporto usato da migliaia di persone ogni giorno: nella capitale della Repubblica d'Irlanda per esempio sono 125 mila i passeggeri che quotidianamente saltano a bordo del mezzo su rotaia per gli spostamenti casa-lavoro.

La Settimana Europea della Mobilità Sostenibile ha aperto un'occasione di dibattito molto interessante proprio sul tram di Bologna, che è un progetto in attesa di finanziamento per partire sicuro «guardando ai bisogni del futuro e senza paura». Ma non si può aspettare troppo, come sottolinea l'assessore competente Irene Priolo dal tavolo di un convegno dedicato: «Siamo molto ottimisti ma anche curiosi di vedere la graduatoria, sulla quale il ministero ha già concluso la parte istruttoria e sta passando la pratica al nuovo ministro (Paola De Micheli ndr). Diamole dieci giorni di tempo e poi busseremo  costantemente alla porta per sapere a che punto siamo con il finanziamento».

Mentre Henri Vergnaux ha raccontato l'esperienza del tram di Bordeaux partito con qualche difficoltà e ora con una linea completamente satura, Marcello Corsi (Truck design manager transport Infrastruktur Ireland) ha illustrato il successo del mezzo a Dublino: «Cittadini e commercianti molto soddisfatti, riqualificazioni e nascita di nuovi quartieri residenziali. E poi il tram a livello psicologico da sicurezza, una fermata del bus è "precaria", mentre una rotaia da l'idea di stabilità». 

Attenzione alta per l'intervento del consulente scientifico del progetto del tram di Bologna Giovanni Mantovani: «Lo abbiamo chiamato il "Grande Ritorno" perché il tram c'era già e nella storia ha poi avuto un declino causato da vari fattori fra cui l'arrivo della metropolitana e la forte espansione della mobilità. Ma è cominciata la sua riscossa». 

Riscossa su cui l'assessore Irene Priolo punta senza riserve: «Facciamo tesoro delle migliori esperienze anche estere e con il tram cerchiamo di far diventare Bologna la città più evoluta d'Italia nella trasportistica. Pensiamo in grande e non c'è spazio per la paura, anzi, guardiamo ai bisogni del futuro visto che l'ONU ha previsto che nel 2030 due terzi della popolazione mondiale vivrà nelle città e in Italia si passerà da un 30% a un 50%. Un comitato che si opponeva al tram c'era anche nell'Ottocento, ma noi ci lasceremo scappare questa occasione». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

Torna su
BolognaToday è in caricamento