Mille euro per l'affitto, ma scatta la truffa: lei lo riconosce in strada e lo porta in Questura

Insolito epilogo per uno dei più classici raggiri nel mondo degli affitti privati

Le aveva giocato un brutto tiro, ma lei lo ha riconoscuito e portato in Questura. Truffa sull'affitto dall'insolito epilogo ieri sera a Bologna. Secondo quanto ricostruito la donna, una 29enne bolognese, si era adoperata negli ultimi tempi a cercare casa in zona Massarenti.

Una proposta le era infine arrivata, da parte di un conoscente che le ha presentato un'altra persona. Fin lì tutto bene, e la giovane aveva anche visitato l'appartamento, che aveva trovato in ordine e che la soddisfava. Il potenziale padrone di casa però ha richiesto tre caparre anticipate, e la giovane gli ha versato poi poco più di mille euro sul conto, l'equivalente di tre msei di affitto arretrato. Le chiavi di casa, però, non sono mai arrivate.

Realizzato il raggiro, alla giovane non è rimasto altro che incassare il colpo, fino a ieri, dove una svolta imprevista ha fatto ribaltare la situazione. La 29enne infatti ha riconosciuto il truffatore, un 48enne del vicentino, in strada. Dopo un breve battibecco, la donna ha convinto l'uomo a seguirla in Questura, dove si è poi accertato come il soggetto fosse proprio colui che non ha portato a termine la transazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Esce di casa e non torna, trovato di notte nel fiume

  • Medicina: si ubriaca, picchia tutti e danneggia il bar

Torna su
BolognaToday è in caricamento