Maxi truffa a segno: raggirata in casa, spariti 30mila euro di gioielli

Con la scusa di controlli ai termosifoni. Si cerca un uomo sulla 40ina. Al Navile, 80enne derubata di 3mila euro

Tra i 25mila e i 30mila euro. A tanto ammonterebbe il valore di alcuni gioielli che sono stati rubati dall'appartamento di una bolognese di 75 anni, vittima dell'ennesima truffa con raggiro ad opera di sedicenti tecnici.

Il tutto è accaduto ieri intorno a mezzogiorno in via Zacconi, quartiere San Donato. La donna viene avvicinata mentre rientra a casa da un uomo sulla quarantina, dai capelli neri e dall'italiano fluente, che si spaccia per tecnico del riscaldamento e asserendo di esser stato mandato dall'amministratore di condominio per controllare un guasto, riesce a entrare in casa della signora.

Parte i solito copione di bugie, fatto di richieste strane e immancabilmente culminato nell'indicazione di raggruppare tutto l'oro e i preziosi sul letto, per poi allontanarsi dalla stanza. Dopo qualche tempo l'infausto epilogo, con il sedicente tecnico che se ne va senza dire nulla e la signora che, dopo qualche minuto di attesa, scopre l'ammanco di tutti gli ori di casa. Di qui, la chiamata al 113. Solo di qualche giorno fa un altro maxi-raggiro è andato a segno, con 40mila euro di gioielli trafugati.

Sempre ieri, in via Bonvicini, nel quartiere Navile, si è consumata un'altra truffa ai danni di una 80enne che è stata avvicinata sotto casa da una donna che si è offerta di aiutarla a portare in casa le buste della spesa. L'anziana accetta, viste le difficoltà di deambulazione, la fa entrare in casa e, mentre chiacchierano "amabilmente" sul balcone, una complice rovista nei cassetti e porta via 3mila euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La raccomandazione della Polizia in questi casi è sempre la stessa: mai dar confidenza a chi non si conosce e voglia entrare in casa, magari dichiarandosi come incaricati a qualsiasi titolo, e al minimo sospetto contattare le forze dell'ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

Torna su
BolognaToday è in caricamento