Via Zanardi: sedicente medico raggira anziana e la truffa

L'hanno fermata in tre da un'auto: a bordo una apparentemente insospettabile famiglia. L'uomo si è spacciato per primario ricordando alla donna le cure fatte a lei e al cognato convincendola a farlo entrare in casa

Truffa ad anziana in via Zanardi. E' successo ieri intorno alle 18.50, quando una donna bolognese di 77 anni è stata avvicinata da un'auto di grossa cilindrata mentre stava rincasando. A bordo dell'auto tre persone: un uomo al lato passeggero, alla guida una donna e dietro un bambino sui 10 anni di età.

L'uomo, ben vestito e dai modi cortesi, l'ha salutata e presentandosi come primario ha fatto riferimento ad dei problemi di salute sia della donna stessa che del marito della sorella, accattivandosi la sua fiducia vista la specificità dei riferimenti. A un certo punto la conversazione ha portato il sedicente medico a proporre una controllo nell'immediato, una visita direttamente a casa dell'anziana. 

A quel punto nell'appartamento della vittima sono saliti tutti e tre. Prima di "visitarla" quello che si spacciava come medico ha chiesto all'anziana di toglieri i gioielli che aveva alle dita e al collo: quattro anellli d'oro (compresa la fede nuziale) e una collana con delle medagliette che sono stati posati sul tavolo della cucina. 

Finito il presunto e superficiale controllo medico l'uomo ha consegnato alla signora una busta chiedendole di riporla in un luogo sicuro. Nel breve lasso di tempo nel quale la donna è stata in camera da letto per mettere via il documento (che non si sa cosa contenesse e che non è più stato trovato) i gioielli sono spariti e i tre si sono affrettati a salutare e ad allontanarsi dall'appartamento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto l'anziana si è resa conto di essere stata truffata e ha avvertito la Polizia, che si è recata sul posto per ascoltarla e raccogliere tutti gli indizi: dalla descrizione fatta gli autori del colpo (il cui bottino non è ancora stato quantificato) sarebbero un uomo italiano di corporatura robusta, una donna esile con i capelli neri e a seguito, il ragazzino che è sui 10 anni d'età. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 7 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 2 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus, la Regione Emilia-Romagna dà tre milioni di mascherine gratis a tutti i cittadini

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 3 aprile: i dati comune per comune

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 4 aprile: i dati comune per comune

  • “Mio padre ha perso il lavoro e il frigorifero è vuoto, aiutateci": adolescente chiede aiuto al 112

Torna su
BolognaToday è in caricamento