Ozzano, l'allarme del Comune: "Non stiamo chiedendo soldi per il pulmino, è una truffa"

L'ente pubblico informa i cittadini: "Qualcuno telefona e chiede soldi, non date denaro"

A pochi giorni dalla truffa che vedeva finti operatori della Pubblica Assistenza di Monterenzio chiedere denaro attraverso il "porta a porta" o chiamando sul telefono fisso dei residenti, oggi c'è un nuovo allarme.

A lanciarlo è il Comune di Ozzano: "La raccolta fondi a nome del Comune per aggiustare un pulmino è una truffa - si legge in una nota - In questi giorni diversi ozzanesi hanno ricevuto delle chiamate per la sistemazione di un veicolo usato per trasportare i disabili" , ma nessuna raccolta è stata avviata, e soprattutto l'ente pubblico non chiede soldi.

«Alcuni cittadini hanno segnalato di aver ricevuto delle telefonate con richieste di denaro - commenta il sindaco Luca Lelli - è  una truffa, il Comune non c'entra nulla». L'invito è sempre lo stesso: segnalare alle autorità competenti numeri o persone che invocano richieste di denaro, soprattutto a nome di enti pubblici o di fantomatiche associazioni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furto a Persiceto: sorprende ladro in casa, uomo accoltellato

  • Cronaca

    Giornalisti in presidio: "Sciacalli e putt..? Non solo insulti, ma un modo per intimidire"

  • Cronaca

    Abusa per anni della figliastra: condannato patrigno-orco

  • Cronaca

    Via Petroni, ancora stretta sugli orari: per un mese si chiude prima

I più letti della settimana

  • Incidente mortale: fuggono dai Carabinieri e si schiantano. Morti 2 ragazzi

  • In fiera il salone delle macchine agricole: cala il fatturato del “made in Italy”

  • Incidente San Giorgio di Piano: chi sono le vittime

  • Incidente moto - furgone: Porrettana chiusa al traffico, centauro gravissimo

  • Furto a Persiceto: sorprende ladro in casa, uomo accoltellato

  • Incidente a San Giovanni Persiceto: scontro tra camion, morto un 55enne

Torna su
BolognaToday è in caricamento