Vincono troppo al videopoker della tabaccheria: tutto merito di un software "pirata"

Denunciati due cinesi, un uomo e una donna, per aver "truccato" le mecchinette: in pochi munuti avevano vinto ben 1.500 euro

Sventata una truffa la scorsa notte in una tabaccheria di Bologna. Hanno quasi 'sbancato' i videopoker, quasi certamente dopo avere manomesso gli apparecchi grazie a un software 'pirata'. I truffatori sono due cinesi, un uomo e una donna di 45 e 40 anni, denunciati per frode informatica dalla polizia, intervenuta verso le 3.30 della scorsa notte in una tabaccheria a pochi passi dalla stazione centrale.

CONTINUE VINCITE E I PRIMI SOSPETTI. A chiamare il 113 è stato l'addetto alla sicurezza del locale, insospettito dalle continue vincite della coppia. Quando si è avvicinato per chiedere spiegazioni, i due hanno tentato di allontanarsi, ma sono stati bloccati fino all'arrivo degli agenti. Secondo quanto è stato ricostruito dalla questura, avrebbero mandato in tilt il videopoker utilizzando uno smartphone, che tenevano vicino all'apparecchio con il wi-fi acceso e alcune applicazioni in funzione.

OLTRE 1.500 EURO IN POCHI MINUTI. E' in questo modo che, secondo l'accusa, sarebbero riusciti a vincere più di 1.500 euro in pochi minuti. All'uomo sono stati trovati anche alcuni biglietti pieni di cifre e lettere, forse password di accesso, e alcune scritte in cinese. Gli smartphone usati dai due cinesi sono stati sequestrati per ulteriori controlli, insieme al denaro provento delle vincite 'sospette', trovato addosso alla donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

  • Incidente a Imola: scontro con il camion, morto un ciclista

Torna su
BolognaToday è in caricamento