San Lazzaro esaudisce il sogno degli 'umarell': “direttore dei lavori” per un giorno

E' il concorso Umarell San Lazzaro. Eletto il vincitore della prima fase, Franco Bonini: "Per me un grande onore", ha commentato assicurando che continuerà a vigilare! Ora è caccia ai nuovi sfidanti

Bonini “direttore dei lavori” per un giorno

Il sogno di qualsiasi Umarell, ovvero diventare direttore dei lavori, anche se per un giorno soltanto, è diventato realtà per Franco Bonini, che è infatti il primo “civile” ad essere ammesso in un cantiere comunale. Bonini ha ricevuto dalle mani del vicesindaco, Claudia D’Eramo, e dell’ingegner Fabio Monzali di Tper, il Premio Umarell San Lazzaro 2015 per la prima fase di cantiere, conclusa nei giorni scorsi. Lanciata a marzo alla vigilia dell’avvio dei lavori del Cantiere BoBo, l’iniziativa del Comune si propone di valorizzare e presentare in una chiave nuova lo storico fenomeno degli “Umarell” che vigilano attenti sui cantieri cittadini.

Quale migliore occasione dei lavori del cantiere BoBo, ben 4 fasi da marzo ad ottobre? Ebbene, Bonini nella prima fase ha battuto tutti, con una presenza costante sul posto in queste prime settimane di lavori per controllare – come fa ogni Umarell che si rispetti – che tutto proceda per il meglio. Una cerimonia di premiazione che si è aperta con l’ingresso di Bonini al cantiere, guidato dal vicesindaco D’Eramo e dall’ing. Monzali, con la curiosità ulteriore di scorgere gli archeologi al lavoro nella classificazione degli antichi reperti rinvenuti nei giorni scorsi.

Indossato l’apposito casco di sicurezza e guidato dai cantieristi, Bonini è stato invitato ad accomodarsi sul “Tifone”, il gigantesco rullo a vibrazione – ha spiegato l’ingegner Monzali – che si occupa di compattare l’asfalto affinché questo sia stabile nel tempo. Niente di nuovo, per Bonini, che ha snocciolato la propria puntuale conoscenza del marchingegno: “Ai tempi lavoravo per una casa di spedizioni internazionali e mi occupavo proprio della spedizione di questi macchinari”. Tanto che la spiegazione dell’ing. Monzali si è fatta, a questo punto, più approfondita (dal “Tifone” allo scavatore, “fino alla fresa e alla vibrofinitrice per assicurare le perfette pendenze…”).

Ma chi è l’Umarell per…. l’Umarell? A sentire Bonini, un uomo che vive la propria comunità e che vigila sulla propria comunità, senza fare sconti a nessuno. “Dedico questo premio a San Lazzaro, la mia città d’adozione”, ha sottolineato, ricevendo lo speciale riconoscimento dalle mani del vicesindaco D’Eramo. Il contenuto? Un unico, irripetibile – e certamente a fine lavori introvabile – cimelio della via Emilia, ornato dalla targa con nome, cognome e qualifica. “Basta che non ci mettete l’anno di nascita”, si è schernito Bonini.
Ora che ha ricevuto il premio lascerà in pace il Comune? “Sì, lo avevo promesso, ma non so se ne sarò capace…”.

Bonini uomo da battere, dunque: per la seconda fase di lavori è già partita la raccolta delle immagini, che i cittadini sono invitati a scattare e a spedire all’indirizzo umarell@comune.sanlazzaro.bo.it (o ad allegare come messaggio privato su FB del Comune). Tutti i dettagli del Premio Umarell (e relative “Umaregole”) sul sito del Comune di San Lazzaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento