'No all'obbligo dei vaccini', presidio 'bianco' in Piazza Nettuno

Al presidio hanno partecipato un centinaio di persone, alcune di loro portando i propri figli. Annunciato inoltre un ricorso al Tar anche da comitato bolognese 'Vaccipiano'

Sono più di 100, e il loro numero sta crescendo, i genitori (molti dei quali hanno con sè i figli) delle varie associazioni e comitati dell'Emilia-Romagna contrari all'obbligatorietà dei vaccini che si sono radunati in piazza Nettuno a Bologna. E mentre ribadiscono di "non essere 'no vax', ma 'free vax', e di volere semplicemente un'informazione completa sull'argomento", i manifestanti espongono striscioni e cartelli contro l'obbligo di vaccinazione stabilito da una legge regionale, e ora esteso a 12 vaccinazioni da un decreto del Governo, tra cui uno con la scritta "Quando l'ingiustizia diventa legge, la resistenza diventa dovere".

Nel mirino dei manifestanti, oltre alla Regione e al Governo, anche le case farmaceutiche, come testimonia il cartello con la scritta "Il rispetto di un diritto non si scambia col profitto". Si invocano, come già detto anche dai rappresentanti del Codacons nei giorni scorsi, controlli preventivi su eventuali intolleranze dei bambini ai vaccini, e l'innalzamento dell'età minima per la vaccinazione, e si citano anche i dati dell'Aifa (Agenzia italiana del farmaco) sulle reazioni avverse ai vaccini, diffusi sempre dal Codacons.

Presidio vaccini play-2

E ovviamente i genitori, alcuni dei quali si stanno alternando al megafono in piazza, assicurano che porteranno avanti fino in fondo la battaglia in sede giudiziaria contro la legge regionale, e soprattutto contro il decreto del Governo, che l'amministratrice del gruppo 'Genitori del 'no' Emilia-Romagna' Alessandra Atti definisce, parlando con i cronisti, "un autentico ricatto".

La manifestazione fa parte di una giornata di protesta nazionale, alla quale partecipa anche il 'Comilva' di Rimini, un comitato  'no vax' che nei mesi scorsi aveva fatto parlare di sè per il suo endorsement a favore delle tesi -false- che vedrebbero correlazione tra vaccini e autismo.

Dal canto loro, i genitori del comitato bolognese 'Vaccipiano', parlando con i cronisti a margine del presidio, fanno sapere che "il nostro ricorso contro la legge regionale dell'Emilia-Romagna", che prevede l'obbligo di effettuare quattro vaccinazioni per iscrivere i bambini ai nidi, "è stato notificato il 25 maggio, e sarà depositato a breve, con l'obiettivo di arrivare a discuterlo entro fine giugno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

Torna su
BolognaToday è in caricamento