Giornata della Memoria, Vasco Rossi: "Meditate gente, non fatevi incantare da sirene autoritarie"

Ieri a Modena il conferimento della Medaglia al valore a suo padre, internato dai nazisti a Dortmund. "Non vorrei che i miei figli dovessero rivedere cose così orribili"

Vasco Rossi affida ai social i ringraziamenti per la medaglia al valore conferita ieri a suo padre, internato dai nazisti nel lager di Dortmund perché rifiutò di combattere con i tedeschi. A ritirare la medaglia, ieri a Modena, la madre Novella Corsi.

"E io in questo momento, di fronte a questo scenario - dice il rocker in una storia su Facebook, mentre mostra lo skyline di Los Angeles - volevo ringraziare per l'onoreficenza a mio papà, data a mia mamma nel giorno della Memoria". 

"Sono orgoglioso, fiero e anche un po' commosso perché è molto importante ricordare gli orrori, le sofferenze, le vite che sono state sacrificate per la libertà, per la democrazia, soprattutto in questi periodi in cui le sirene autoritarie demagogiche tornano a farsi sentire così forte e a incantare le masse con i loro slogan facili".

"Ecco - conclude - ricordiamoci che la democrazia e la libertà sono state conquistate a prezzo di grandi sofferenze. Non vorrei che i miei figli dovessero rivedere cose così orribili. Meditate gente, state svegli, non fatevi incantare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 29 marzo: i dati comune per comune

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 30 marzo: contagi +412, 95 morti

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 2 aprile: i dati comune per comune

  • Cornavirus Emilia-Romagna, bollettino 27 marzo: contagi +772, altri 93 morti

  • Coronavirus, A Bentivoglio le maschere da snorkeling diventano respiratori e protezione per i medici

  • Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 31 marzo: i dati comune per comune

Torna su
BolognaToday è in caricamento