Vendita abusiva di alcolici in zona U: scoperto appartamento-deposito, denunce e multa salata

La polizia municipale è intervenuta sabato notte scoprendo diversi frigoriferi pieni di bevande alcoliche e numerosi scatoloni con bottiglie di birra

Un appartamento-deposito, in via Acri, per rifornire i venditori abusivi di alcol nella zona universitaria. Lo ha scoperto la Polizia Municipale che ha anche sequestrato 400 bottiglie di birra e comminato una sanzione di 8mila euro a un cittadino bengalese di 36 anni.

Una lunga indagine che ha portato il reparto di Polizia commerciale della PM bolognese a intervenire nella notte tra sabato e domenica. Gli agenti in borghese sono entrati nell'appartamento scoprendo diversi frigoriferi pieni di bevande alcoliche e numerosi scatoloni con bottiglie delle più note marche di birra. Il 36enne, con regolare permesso di soggiorno e intestatario del contratto di locazione, sarebbe il "gestore" di questo magazzino improvvisato, così è stato sanzionato per violazione della normativa sul commercio e sanitaria in materia di vendita di bevande e alimenti. 

I gestori dei locali della zona universitaria, sottoposta a ordinanza anti-alcol, avevano più volte protestato contro il provvedimento giudicandolo favorevole proprio ai venditori abusivi e Bologna Today aveva condotto un'inchiesta proprio in Piazza Verdi, dove acquistare birra fredda in strada era risultata impresa davvero facile. 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Vero. Anche molti fattoni fuori corso italiani però.

  • bengalese...ma vah!? il racket degli acolici è in mano ai mussulmani, stranamente...