Via della Beverara, picchetto anti-sfratto: 'Difendiamo Omar e i suoi due figli'

Gli attivisti di Social Log presidiano la casa di una famiglia con due figli minori per evitare lo sfratto

I militanti di Social Log Bologna si sono riuniti in un nuovo presidio sotto uno stabile in via della Beverara, in attesa dell'ufficiale giudiziario che dovrebbe eseguire lo sfratto della famiglia di Omar.

L'uomo ha anche figli minori, di 2 e 5 anni, e rischia di essere sgomberato: 'Omar non esce' è il motto del picchetto di questa mattina 'difendiamo la sua famiglia ei suoi due figli'.

L'8 aprile Social Log, in picchetto in via Corticella, erano riusciti a rinviare lo sfratto di un'altra famiglia con due bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Incidente a Imola: scontro con il camion, morto un ciclista

  • Monte San Pietro: anziano morto durante il trasporto in pulmino, indagini in corso

Torna su
BolognaToday è in caricamento