Via Caduti di Cefalonia: viola l'ordinanza di vendita alcolici, giù le serrande alle 19

'I numerosi controlli effettuati dalla Polizia Municipale sono stati confermati i problemi di sicurezza urbana'

Il Sindaco Virginio Merola, ha firmato un’ordinanza che riduce l’orario di apertura di un esercizio di vicinato che si trova in via Caduti di Cefalonia, nel cuore del centro storico: dal momento della notifica, avvenuta ieri, e fino al 30 giugno 2019, dovrà rimanere chiuso tutti i giorni dalle 19 alle 7 del giorno successivo. "

Il provvedimento - fa sapere Palazzo D'Accursio - si è reso necessario in quanto il titolare ha snaturato la vocazione dell’attività commerciale: l’offerta di bevande alcoliche è superiore a quella dei prodotti alimentari e non alimentari di uso domestico, che dovrebbero essere invece l'attività principale dell'esercizio".

Quindi, dopo i numerosi controlli effettuati dalla Polizia Municipale sono stati confermati i problemi di sicurezza urbana dovuti alla violazione sistematica del divieto di vendere bevande alcoliche in contenitori di vetro dopo le 22, come da Regolamento di Polizia Urbana. "In molti casi, la vendita si è protratta anche dopo le 24, in violazione alla legge che tutela i livelli di sicurezza nella circolazione stradale. Pertanto è scattata l’ordinanza di limitazione degli orari: se non verrà rispettata, si applicherà la sanzione che va da 300 a 500 euro". In caso di reiterazione, scatterà la comunicazione al Questore

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento