Via Calzoni: rissa a colpi di bottiglia, 26enne in ospedale con la testa spaccata

Una lite iniziata all'interno di una discoteca e finita in strada

Foto archivio

Un litigio iniziato all'interno di un locale di via Calzoni, in zona Fiera, e finito con due persone in ospedale e una denuncia per lesioni personali aggravate. Il 113 è stata chiamato ieri mattina intorno alle 10 e quando la volante è arrivata ha trovato i sanitari del 118 intervenuti per prestare soccorso a due persone, un cittadino marocchino di 26 anni e un agrigentino di 34. 

Dalle testimonianze degli amici del 26enne, gli agenti hanno appurato che gli screzi erano iniziati all'interno della discoteca poche ore prima: erano seduti su un divanetto, quando il 34enne, visibilmente ubriaco, ballando, aveva più volte urtato il tavolino, fino a quando il marocchino aveva protestato e in risposta era stato aggredito. 

Una volta usciti dal locale, lo straniero era stato accerchiato da un gruppetto di persone e il siciliano lo aveva colpito in testa con una bottigliata, si era accasciato sanguinante e gli amici avevano chiamato il 118 che lo hanno trasportato all'Ospedale Maggiore in codice 2. Nella colluttazione anche l'aggressore ha riportato qualche contusione ed è stato curato al Pronto Soccorso del Sant'Orsola. Il cittadino marocchino era destinatario di un decreto di espulsione immediata e una volta uscito dall'ospedale verrà rimpatriato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento