Via Ferrarese, uccise Quinto Orsi per rubare un'auto: sentenza definitiva per Sonic Halilovic

Lo investì in retromarcia, ma era stato visto dal figlio della vittima e si costituì il giorno dopo

Condanna definitva a sei anni e quattro mesi per Sonic Halilovic, il 23enne che il 21 febbraio del 2013 investì e uccise in via Ferrarese Quinto Orsi, meccanico 72enne. Il giovane, allora 19enne, era entrato nel piazzale per rubare un'auto e lo ivestì il meccanico in retromarcia, per poi fuggire a piedi. Halilovic, che era stato visto dal figlio della vittima, Fabio, si costituì il giorno dopo, grazie a una sorta di 'trattativa' con le forze dell'ordine, presentandosi in questura con l'avvocato Gianluigi Cristofori. 

Il giudice dell'udienza preliminare lo aveva condannato a 16 anni per omicidio volontario con il rito abbreviato, in appello la pena venne ridotta a 6 anni e 8 mesi per omicidio colposo. Il giovane ha già scontato quattro anni, tra carcere e arresti domiciliari, ora è libero in attesa che il Tribunale di Sorveglianza decida se applicare nei suoi confronti una misura restrittiva.

 "E' una vergogna enorme" ha detto a E'Tv Fabio Orsi - mio padre proprio non valeva niente, per me vale molto, ma per la società e per la giustizia non vale niente". 

I FATTI. Sonic Halilovic aveva ammesso di aver investito il meccanico, ma si era difeso dicendo di averlo travolto involontariamente, parlando quindi di una disgrazia. 

Il Procuratore aggiunto Valter Giovannini aveva lanciato un appello: "Ferma l'assoluta gravità del gesto - aveva detto il magistrato in mattinata - invitiamo l'autore, che comunque prima o poi sarà arrestato, a presentarsi alle forze dell'ordine poiché, al fine di ricostruire la dinamica del fatto, è indispensabile conoscere anche la sua versione". Il Pm Beatrice Ronchi ha scritto nel fascicolo l'accusa di cui dovrà rispondere il rom: tentata rapina e omicidio aggravato. Il fatto intanto ha riportato fortemente alla ribalta il problema sicurezza tra artigiani e commercianti.

TAGLIA. La Lega Nord prima dell'arresto aveva proposto di mettere denaro 'sulla testa' del colpevole: "Mettiamo una taglia sull'omicida di via Ferrarese!", aveva scritto su Facebook Manes Bernardini, allora in consiglio comunale nelle file della Lega Nord: "Forza, coraggio: richiamano sempre l'America come esempio... bene, facciamolo anche in questo caso!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

quinto orsi-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 10 luglio: focolaio impresa di logistica, +36 casi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento