Via Indipendenza: l'albero che fa ombra a Garibaldi colpito dal fungo, abbattimento il 3 settembre

L'ippocastano di 18 metri e con un diametro di 59 centimetri presenta profonde ferite alla base del fusto e sul tronco. Verrà sostituito con un nuovo albero alla prima stagione utile

Giovedì  3 settembre l’esemplare di Ippocastano (Aesculus hippocastanum) in via  Indipendenza  45  (codice 64862), a ridosso della statua di Garibaldi "dovrà essere abbattuto al fine di salvaguardare la pubblica incolumità", si legge nella nota del Comune. 

L'albero,  alto  18  metri  e  con  un diametro del fusto di 59 centimetri, presenta  infatti  profonde  ferite  alla  base del fusto e sul tronco, con evidenza  di  carpofori  fungini  responsabili  della  carie  del legno che causano processi degenerativi, compromettendo la stabilità della pianta. 

"In  proposito, le perizie agronomiche, visive e strumentali, hanno messo in evidenza  che gli organismi patogeni stanno progressivamente deteriorando e indebolendo   la   struttura   dell’albero,  compromettendo  gravemente  la resistenza dei tessuti legnosi.
La  patologia in atto è purtroppo irreversibile e l’albero, già adulto e in condizioni  fisiologiche  non  ottimali,  non  contrasta  efficacemente  il
progredire  dell'alterazione  del  legno,  che porta progressivamente a una condizione di instabilità, con rischio di cedimento e conseguente schianto". 

La  pianta  verrà sostituita con un nuovo albero alla prima stagione utile. Il nuovo esemplare apparterrà ad una specie botanica più idonea al contesto urbano.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento