Spintoni sul bus, "sangue" e parapiglia in via Massarenti: fermato con lo spray

Con il volto insanguinato, ha minacciato i sanitari del 118 e i Carabinieri, ma lo show era iniziato sul bus

Foto archivio

I Carabinieri hanno utilizzato lo spray urticante in dotazione per riportare alla calma un bolognese di 51 anni che ieri sera ha perso la testa, prima su un autobus, poi in strada.

Alle 21 i sanitari del 118 hanno chiamato il 112 per chiedere supporto e calmare un uomo ferito e molto agitato in via Massarenti. Il 51enne, senza fissa dimora e con piccoli precedenti, con il volto insanguinato, dopo aver minacciato i soccorritori dell'ambulanza, se l'è presa anche con i Carabinieri arrivati sul posto con sputi, insulti, minacce e "lancio" di fazzoletti sporchi di sangue.

Dalle testimonianze, i militari hanno appurato che aveva iniziato il suo "bad show" sull'autobus, molestando i passeggeri e spintonando due donne 33enni. Quando l'autista gli aveva intimato di scendere e aveva aperto le porte, l'uomo, completamente ubriaco, era rovinato a terra, procurandosi una ferita al capo, così era stata allertata l'ambulanza che lo ha trasportato al Pronto Soccorso dell'Ospedale Sant'Orsola, dove ha continuato a dare in escandescenza. E' stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

Spacca tutto al bar, fermato con lo spray urticante

Potrebbe interessarti

  • Forno a microonde: fa veramente male alla salute?

  • L'olio di arachidi fa male? Ecco la verità

  • Segreti e benefici del Tai Chi Chuan

  • Obesità infantile: come aiutare i vostri figli a mangiare meglio

I più letti della settimana

  • Incidente in A1, un morto: traffico bloccato la domenica del rientro

  • Incidente in A14 tra Forlì e Cesena, muore ragazzo di San Lazzaro di Savena

  • Concorso Mibac, bando per 1052 vigilanti: requisiti e materie d'esame

  • Incidente mortale sulla A14: chi era la giovane vittima

  • Nadia Toffa è morta: aveva scelto Bologna per la sua prima uscita pubblica

  • Interporto, scuoiano una pecora nel parcheggio: tre denunciati

Torna su
BolognaToday è in caricamento