Minacciato e costretto a comprare cocaina al bar: due nei guai

Lo hanno minacciato, ma lui ha chiamato la Polizia

Un cittadino libico di 25 anni e un cittadino tunisino di 27, entrambi irregolari, sono stati denunciati questa notte per estorsione e spaccio. A chiamare la Polizia poco dopo le 4 un bolognese di 22 anni. 

Il giovane si trovava in un bar di via Mazzini, quando è stato avvicinato dai due stranieri che dapprima gli hanno offerto una dose di cocaina, poi con le minacce lo hanno costretto ad acquistarla per 30 euro, così spaventato ha chiamato il 113. 

Sempre per spaccio di cocaina, i Carabinieri della Bologna Centro hanno arrestato un cittadino arrestano tunisino di 25 anni sorpreso a spacciare 0,40 grammi di cocaina a un cameriere bolognese diu 46 anni sotto le Due Torri. E' accaduto ieri notte, quando i militari in in borghese hanno visto il cameriere uscire dal locale di via Zamboni dove lavora e raggiungere il pusher in piazza Ravegnana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: fermato treno a San Ruffillo. Era un falso allarme

  • Coronavirus, sotto osservazione due persone in Emilia: le analisi al Sant'Orsola

  • Coronavirus: in Emilia Romagna chiuse scuole, asili e luoghi di cultura. Stop a eventi e manifestazioni

  • Coronavirus, due nuovi casi a Modena e uno a Piacenza. In Emilia-Romagna 26 in totale. Venturi: "Proporremo nostra metodica alle altre Regioni"

  • Coronavirus: riminese ricoverato, aveva volato dal Marconi. Positivo anche un altro passeggero dello stesso volo

  • Coronavirus, il sindacato scuola: "Sospendere attività fino all'8 marzo"

Torna su
BolognaToday è in caricamento