'Fittoni' mobili addio, in alcuni accessi arrivano le telecamere

Individuati tre punti dove il sistema di ostacolo agli accessi fisici verrà smantellato. Il provvedimento approvato ieri dalla giunta

Novità per gli accessi alle aree a traffico limitato. In alcuni punti, secondo quanto licenziato ieri dalla giunta su proposta dell'assessore alla mobilità Irene Priolo, i fittoni mobili verranno smantellati, per fare spazio alle telecamere.

Si tratta di una novità dai contorni ancora non ben definiti, ma che hanno una idea di fondo: tagliare sui costi di manutenzione e, in alcuni casi, recuperare un po' l'estetica dei luoghi.

I fittoni mobili, ha tagliato corto Priolo nei giorni scorsi spiegando la proposta in omissione, “vengono usati in modo improprio, non impediscono il passaggio dei motorini, si rompono spesso e richiedono una manutenzione complessa”. Le telecamere invece -sebbene non ostacolino effettivamente i mezzi- non ingombrano e non devono essere continuamente manutenute.

I punti individuati. Da quello che si è potuto ricostruire -ma il progetto è ancora suscettibile di modifiche- In Piazza Santo Stefano andranno via i fittoni per far posto alle telecamere. Analogo discorso per Piazza San Domenico. Per corte Galluzzi si tratterà solo di installare occhi elettronici, mentre per via delle Moline il dissuasore mobile farà spazio solo alla strada chiusa con delle fioriere. Arredi floreali anche per via De' Falegnami, ma solo dopo un breve tratto.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

Torna su
BolognaToday è in caricamento