Bis alle Cucine popolari: inaugurata nuova mensa a San Donato

Apre nei locali del centro sociale 'Italicus' un nuovo nodo della rete di mense per persone in difficoltà. Subito disponibili una cinquantina di coperti ma si arriverà a duecento

Ha aperto il battenti il secondo nodo della rete di cucine popolari. Questa mattina, in via Sacco, presso il centro sociale 'Italicus' una cinquantina di persone di è ritrovata per condividere un piatto di pasta con chi si trova in condizioni di disagio economico. Tra i presenti anche il presidente del quartiere Simone Borsari e il blogger Danilo Masotti.

"A regime faremo da mangiare per circa 200 persone, tra chi si siede a tavola e chi si porterà via il pranzo" affrema Roberto Morgantini, creatore del progetto: "Saranno al lavoro circa quaranta volontari, tra cuochi e inservienti". Quello di via Sacco è solo un punto di una rete che vorrà essere "antenna del territorio" quartiere per quartiere. Sarebbero già allo studio altre tre mense, in altrettanti quartieri. "Entro l'anno arriveremo -continua Morgantini- anche al Porto e siamo già in contatto anche con gli altri tre quartieri", ammette.

Per ora la Cucina popolare del quartiere San Donato/San Vitale sarà aperta tre giorni alla settimana, mercoledì, giovedì e venerdì,  e servirà una cinquantina di pasti. Ci sono già una decina di volontari che si sono messi a disposizione del progetto

In un anno di attività, la mensa è stata aperta 208 giorni, ha servito 22.880 pasti e 8.320 ne ha consegnati per la cena, i cuochi hanno fatto 1.656 ore di volontariato, ogni volontario in sala e in cucina ha fatto 1.120 ore di attività. Il 21 luglio del 2015 la prima la mensa per le persone disagiate in via Battiferro 2, che offre pasti a persone segnalate dal Comune, dagli assistenti sociali e dalla parrocchia di San Cristoforo. Anche in questo caso gli obiettivi superano il concetto tradizionale di "mensa", non solo nutrire, ma "accogliere": "I cittadini che devono fare la loro parte perché spesso la solidarietà è stata data in appalto alle parrocchie" aveva detto a Bologna Today Morgantini. 

Famiglie, persone sole, italiani e stranieri, seduti ai tavoli, ma l'obiettivo non è solo l'aiuto a chi è in difficoltà economiche, ma anche alle persone sole, a chi non esce, a chi si è chiuso: "Tirarli fuori di casa, accoglierli ed entrare a contatto con la diversità - questo il desiderio di Roberto - l'accoglienza intesa come orecchie e cuori che ascoltano, questo luogo deve essere l'antenna del quartiere". 

La settimana scorsa per l'iniziativa si erano Mobilitati anche Tullio del Piscopo e la sua band che avevano tenuto un concerto di solidarietà all'Estragon Club. 

cucine popolari-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Mordano, forzano il posto di blocco e investono un Carabiniere: ricercati per tentato omicidio

Torna su
BolognaToday è in caricamento