Barca: spacca tutto al bar, fermato con lo spray urticante

Sul posto anche un'ambulanza del 118 che lo ha trasportato al Pronto Soccorso

Ha cominciato a spaccare tutto quello che gli capitava a tiro: tavolino, posacenere e bicchieri. Il titolare del New Dibi Bar di via Tommaseo, in zona Barca, ieri pomeriggio è stato costretto a chiamare i Carabinieri per via di un uomo ubriaco che stava dando in escandescenze all'interno del locale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto si sono portati militari del nucleo radiomobile cha hanno tentato di calmarlo, ricevendo in risposta continue minacce, fino a quando è stato spruzzato lo spray urticante per immobilizzarlo e renderlo inoffensivo. L'uomo, cittadino marocchino di 31 anni, regolare sul territorio italiano, è stato denunciato per resistenza e minacce a pubblico ufficiale e danneggiamento. I Carabinieri hanno fatto arrivare anche un'ambulanza del 118 che lo ha trasportato al Pronto Soccorso per accertamenti.

Bottigliata in testa al cameriere, Carabinieri usano spray urticante

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento