Via Trilussa, badante ubriaca si chiude un casa con l'anziana assistita

La porta era chiusa da dentro e il figlio dell'assistita non riusciva a entrare in casa: porta aperta da Polizia e Vigili del Fuoco, dentro una donna in stato di ebbrezza

Alle 22 di ieri sera una chiamata alla Polizia da via Trilussa: il figlio di una donna anziana assistita a domicilio da una badante è agitato perchè pur avendo le chiavi non riesce ad entrare nella casa della madre. Sul posto oltre agli agenti anche i Vigili del Fuoco. 

Una volta aperto l'uscio, che era chiuso a chiave da dentro, la scena è stata questa: una donna completamente ubriaca che alla vista degli agenti ha pensato bene di aggredirli a calci e pugni, persino tentando di morderli. Si trattava della badante 38enne (di origini moldave) della bolognese 83enne che nel frattempo per fortuna era tranquilla nel suo letto. 

A seguito di questo parapiglia la badante è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni finalizzate alla resistenza e rifiuto di fornire i propri documenti di identità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, neve in arrivo sull'Appennino emiliano

  • Ripetitori e onde dei cellulari, lo studio del Ramazzini: "Tumori rari nelle cellule nervose"

  • Rivoluzione orari della 'movida', parte esperimento. Lepore: "Cercheremo di dettare una nuova tendenza"

  • Fuga di gas dalle cantine: 16 famiglie evacuate, traffico bloccato

  • Furto a San Lazzaro: "Sono entrati in pieno giorno e hanno fatto un disastro. Sono sconvolta"

  • Accoltellamento sul treno: due feriti, treni in ritardo

Torna su
BolognaToday è in caricamento