Omicidio via Varthema, convalidato l'arresto per Francesco Serra

Il 55enne di Vergato ha ammesso anche davanti al Gip la responsabilità nell'omicidio della giovane escort. Disposta la custodia cautelare in carcere

La vittima, Ana Maria Stativa

Ha confermato anche davanti al Gip, Francesca Zavaglia, le responsabilità nel delitto di Ana Maria Stativa. Per questo il 55 enne Francesco Serra, originario del parmense ma residente a Vergato è stato tradotto in carcere alla Dozza, con l'accusa di omicidio, con l'aggravante della premeditazione. 

Serra ha sostanzialmente ripetuto quello che ha detto in sede di interrogatorio al pm Roberto Ceroni. Sabato 25 marzo, la 30enne cittadina rumena Ana Maria Stativa è stata uccisa con una pistola per l'abbattimento di animali nel suo appartamento di via Varthema 44.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'operaio di Vergato, con alle spalle qualche precedente e un matrimonio finito, avrebbe spiegato di essersi sentito preso in giro dalla donna, dalla quale credeva di aver corrisposto un sentimento. Stativa, nel corso degli anni, sarebbe arrivata a chiedere prestiti per 40mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento