'Qui dentro c'è mia moglie': spacca i vetri del portone, ma lei non esiste

Un 40enne colleziona due denunce in 24 ore. Presa a calci la porta di un ignaro residente

Cercava 'sua moglie' ma la donna non esiste, o almeno non ha mai abitato lì. Un 40enne è stato denunciato per danneggiamento e violazione di proprietà privata in due diverse occasioni, dopo essere stato sorpreso entrambe le volte in uno stabile di via Venturoli, a distanza di una manciata di ore l'una dall'altra.

Il soggetto, cittadino pakistano regolare, è stato fermato intorno alle 20 dagli agenti mentre, dopo aver divelto i vetri del portone di ingresso di un condominio, stava dando calci alla porta di un residente. L'uomo era convinto che dentro l'abitazione di fosse una donna, che lui ha definito essere sua moglie.

I poliziotti hanno però accertato come non esistesse nessuna compagna dell'uomo, o almeno che non fosse in quell'appartamento. Già la mattina precedente l'uomo aveva dato notizia di sè con i medesimi fatti e argomentazioni, facendo scattare una analoga denuncia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bottiglie come arma: doppia rapina nella notte in zona U

  • Incidenti stradali

    Incidente sulla A14: scontro in autostrada, camion finisce nella scarpata

  • Cronaca

    Droga dello stupro, l'esperta: "Costa meno di un gelato. Fenomeno in crescita"

  • Meteo

    Meteo e maltempo, slitta l'arrivo della neve

I più letti della settimana

  • Suicidio al cimitero di Castel San Pietro: Carabiniere si spara con la pistola di ordinanza

  • Lavoro, invalidi e categorie protette: l'aeroporto Marconi cerca personale per ufficio merci

  • Grosso cinghiale semina il panico al parco: abbattuto dopo ore di ricerca

  • Pestati dal gruppo, tassista e spazzino in ospedale: "Colpito con calci, pugni e spranga"

  • 'Raggio verde' abbaglia pilota EasyJet: il responsabile rischia grosso

  • Nuova apertura a Bologna, arriva la birreria bavarese Löwengrube

Torna su
BolognaToday è in caricamento