Blitz femminista: assorbenti sui muri dell'Alma Mater

'I prodotti igienici (e i contraccettivi) siano gratuiti nei luoghi di studio'. Mozione approvata

Foto Dire

Blitz femminista ieri all'Alma Mater: i muri di via Zamboni sono stati tappezzati con assorbenti femminili per chiedere che i prodotti igienici per donne vengano messi a disposizione gratuitamente nei luoghi di studio.

L'iniziativa, messa in atto dai collettivi 'Mala educacion e Link', che hanno anche preso possesso di un'aula al civico 34, ha avuto seguito: la na mozione è stata approvata dal Consiglio degli studenti dell'Ateneo di Bologna: "Stiamo costruendo lo spazio femminista per una consultoria studentesca universitaria autogestita", mentre a livello nazionale "stiamo collaborando con il Comitato per la contraccezione gratuita e consapevole- spiegano i collettivi- per ottenere anche contraccettivi gratuiti nei luoghi della formazione".

Nascerà quindi "MALAconsilia" nello spazio in via Zamboni 34. "L'obiettivo non è dar vita a un semplice sportello assistenzialista - spiegano - ma costruire una vera e propria comunità, in grado di produrre non soltanto attività di sensibilizzazione, ma anche analisi e proposte a partire appunto dai luoghi della formazione. Vogliamo dar vita a uno spazio in cui intercettare i bisogni immediati e i desideri delle studentesse e degli studenti, mettendoli in rete con le altre realtà cittadine molto più strutturate e che da tempo lavorano su questo piano". (dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, previsioni per il fine settimana: tornano pioggia e neve

  • Sardine, il 19 gennaio 6 ore di musica e riflessioni: ecco chi salirà sul palco di Piazza VIII agosto

  • Incidente a San Lazzaro: 20enne investito sulle strisce

  • Vuole offrire da bere agli 'amici': invece di ringraziarlo lo aggrediscono e lo rapinano

  • Lutto in città, se ne va la mitica 'Agnese delle cocomere'

  • Incidente a Sasso: scontro camion-corriera, passeggeri bloccati vicino il bordo della rupe

Torna su
BolognaToday è in caricamento