Viaggio casa-lavoro sull'auto aziendale non conteggiato nell'orario, scatta lo sciopero in Hera

Viaggio casa-lavoro sull'auto aziendale non conteggiato nell'orario, scatta lo sciopero in Hera„La decisione della multyutility di considerare "tempo libero" gli spostamenti verso i luoghi di lavoro a bordo dei mezzi aziendali ha trovato forti proteste. La Cgil reagisce con blocco degli straordinari e dei Gps marcatempo. Hera non si presenta al confronto in Prefettura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Viaggio casa-lavoro sull'auto aziendale non conteggiato nell'orario, scatta lo sciopero in Hera „ Blocco degli straordinari e sciopero dell'auto aziendale. Ovvero, "astensione dall'attuare le nuove modalità lavorative non previste nei contratti di lavoro nazionali e aziendali di lavoro", come quella appunto che prevede di partire da casa con l'auto aziendale e prendere servizio all'arrivo in cantiere attivando un Gps 'marcatempo'. Fallito il tentativo di conciliazione in Prefettura a Bologna, la Filctem-Cgil avvia la 'resistenzà contro la modalità di lavoro introdotta da Hera. Si tratta del progetto "Partenza da casa con destinazione sul cantiere" pensato per recuperare "margini di efficienza" e incrementare "la competitività", ma bocciato dal 57% dei lavoratori in un referendum sull'ipotesi di "assegnazione del mezzo aziendale per tutto il periodo dell'anno". Solo che Hera, ha denunciato la Cgil, ha comunque dato corso alla novità spedendo lettere di comando ai lavoratori interessati, quelli che si occupano delle reti di acqua e gas. A sentire la Cisl, quei dipendenti si erano fatti avanti volontariamente per sperimentare l'uso dell'auto aziendale da casa, ma tra l'utility e la Cgil è mancato il chiarimento in Prefettura dove l'azienda non si è presentata "per la prima volta nella sua storia". E questo "in spregio delle più fondamentali regole di rispetto istituzionale, confermando l'atteggiamento arrogante nei confronti di rappresentanti dei lavoratori", protesta la Filctem. Che dunque risponde con il blocco degli straordinari da sabato 11 novembre fino a domenica 10 dicembre: rigoroso rispetto dell'orario di lavoro (tranne le reperibilità per emergenza o pronto intervento) per il settore gas e blocco del "Mutamento mansioni" nel settore acqua; oltre all'astensione "dall'attuare le nuove modalità lavorative" non fissate dai contratti come per l'auto aziendale. In pratica, il tempo trascorso al volante dell'auto aziendale non sarebbe 'di lavoro', ma 'libero' o 'di riposo'. Le lettere individuali di comando, ribadisce la Filctem, "contengono radicali modifiche alle modalità operative nello svolgere le attività programmate ordinarie di conduzione e manutenzione, in particolare imponendo agli operatori l'utilizzo dell'automezzo aziendale per recarsi direttamente sul primo luogo di intervento (spostato ogni giorno) partendo dalla propria residenza-domicilio, utilizzando un timbratore portatile per marcare l'orario di arrivo sul primo luogo di intervento, da dove l'azienda arbitrariamente dichiara che decorrerà l'inizio dell'orario di lavoro giornaliero". Rispetto alle obiezioni sindacali, Hera ha inviato "una opinabile 'memorià, farcita di numerose inesattezze", scrive la Filctem ai lavoratori. In Prefettura la sigla della Cgil ha chiesto il ritiro dei comandi individuali come precondizione per "riaprire un confronto teso a costruire una nuova ipotesi di accordo sulla materia, che sia realmente migliorativo rispetto alla precedente ipotesi" bocciata dal personale. Pare che a Forli' si voglia adottare il modello bocciato, ma la Filctem obietta che il 'no' vale in tutta l'Emilia-Romagna. Avviata la mobilitazione, ora saranno svolte assemblee con i dipendenti. La 'miccià che ha acceso la vertenza sono stati i comandi individuali: ne sono partiti una sessantina. C'erano stati dei precedenti a Ferrara e Modena prima del voto nel referendum, poi a settembre il replay a Imola e Ravenna. Se si usa l'auto aziendale, è la tesi sindacale, lo si fa per lavoro e in orario di lavoro. (DIRE)

Torna su
BolognaToday è in caricamento