Velocità folli sui viali, l'ex assessore Colombo: 'Più autovelox'

Un suv sui viale Aldini ha investito due pedoni, fatto 'strage' di cassonetti, per poi cappottare a bordo strada: 'Freno ai criminali'

Il suv ribaltato

Dopo il brutto episodio di sabato notte, quando un suv in viale Aldini ha investito due pedoni, fatto 'strage' di cassonetti, per poi cappottare a bordo strada, per l'ex assessore alla mobilità Andrea Colombo "Bisogna aumentare la dotazione di autovelox".

I viali, per Colombo, sarebbero tra i punti pericolosi del traffico cittadino a causa della velocità eccessiva: "Quando facemmo le prove per gli autovelox, misurammo in viale Panzacchi anche punte da 161 chilometri orari e su via Stalingrado da 145 - riferisce in consiglio comunale - le scene di guerra di questi incidenti e i dati che ho riportato parlano chiaro, bisogna mettere un freno ai criminali che in città con il limite dei 50 chilometri all'ora fanno velocità folli mettendo a repentaglio la vita propria e quella degli altri".

Quindi per l'ex assessore "c'è una guerra in corso sulle nostre strade e questa è violenza stradale" e per questo bisogna "aumentare i controlli e le multe sulle infrazioni che costituiscono i principali fattori degli incidenti stradali", velocità e distrazione al volante. Provvedimenti però secondo democratici servono anche sulle strade a grande scorrimento come la tangenziale e le autostrade nei tratti cittadini, teatro di ben otto decessi lo scorso anno. 

VIDEO| Carambola in viale Aldini, 4 feriti

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Il centro di Bologna diventa il set di "Diabolik": cambia la viabilità

  • Indagine sugli adolescenti bolognesi: l'80% ama la città, ma emergono aspetti 'preoccupanti'

  • I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Nike chiude la sede di Casalecchio: per 30 dipendenti il trasferimento è l'unica via

Torna su
BolognaToday è in caricamento