Vicolo Broglio, riprende la movida e i cittadini non dormono

Dopo la tregua estiva riprendono le notti brave nel vicolo fra via San Vitale e Strada Maggiore. Insonne la notte prima di San Petronio

Alcuni dei riufiuti post-movida

Una nuova segnalazione dai cittadini del Quartiere San Vitale, questa volta da quei "pochi" abitanti di Vicolo Broglio, una via che sta fra Strada Maggiore e via San Vitale, tranquilla di giorno ma invivibile di notte a causa di due locali (aperti fino a tarda notte, 7 giorni su 7) i cui frequentatori hanno l'abitudine di urlare, bivaccare e addirittura fare partite di calcio in strada, utilizzando il cancello di un privato come porta. La denuncia arriva tramite la lettera di una donna bolognese che non ne può più, anche dell'indifferenza delle autorità, che "Quando sentono che chiamiamo da qui, ci dicono che non hanno più pattuglie":

Gentile redazione,

nel giorno di San Petronio, quando dovrei festeggiare il piacere di vivere in una bella città come Bologna, mi ritrovo ancora una volta "ingastrita" a causa di una notte trascorsa insonne per la movida creata dai locali che stanno proprio sotto casa mia. Ogni notte, in ogni mese dell'anno fatta eccezione per qualche giorno in piena estate, Vicolo Broglio comincia a popolarsi di tanti giovani, fra cui anche molti maleducati che, oltre a urlare, cantare a squarciagola e far cedere bottiglie e bicchieri vuoti riducono la strada in una discarica. La mattina ci si ritrova persino con dei bicchieri sul tetto dell'auto. Siamo stati giovani anche noi, ma la tolleranza ha un limite e quando per anni nessuno ti ascolta, la voglia di far rispettare alcune regole diventa un diritto a cui non vuoi più rinunciare. Basterebbe "educare" i clienti, invece che mettere lì un buttafuori immobile giusto per far vedere che c'è. O magari mettere un cestino fuori dal locale e invitare la gente a buttare lì i propri rifiuti, invece che seminare bottoglie di birra sul cemento (sperano che ricresca?).

E' intenzione di noi abitanti di Vicolo Broglio fare una raccolta di firme e aprire un dialogo con il nostro presidente di quartiere, Milena Naldi, che speriamo possa, almeno lei, darci dei suggerimenti su come muoverci. Nel frattempo contatteremo l'Arpa per venire a misurare il livello di rumore notturno e capire se questi locali sono ben insonorizzati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • Incidente a Casalecchio: pedone investito all'incrocio

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

Torna su
BolognaToday è in caricamento