Villaggio Gandusio: il 2 luglio in consegna i primi alloggi con il criterio del 'mix sociale'

Chiavi ai primi 6 nuclei familiari. Il mix sociale è il criterio che assicura la presenza equilibrata di persone provenienti da contesti culturali e sociali diversi

Lunedì 2 luglio verranno consegnate ai primi sei nuclei familiari le chiavi degli appartamenti del complesso di edilizia residenziale pubblica di via Gandusio ripristinati da Acer. 

A poco meno di un anno dallo svuotamento dei palazzi per iniziare l'intervento di ristrutturazione (risorse statali per quasi 6 milioni di euro e risorse proprie del Comune), entro la settimana saranno assegnati 50 alloggi (con successiva consegna) su un totale di 80, nei civici al numero sei e otto. Nel frattempo proseguiranno i lavori negli altri due civici, al numero dieci e dodici per arrivare ad assegnare tutti gli alloggi.

Mix sociale

Le assegnazioni sono e saranno impostate attraverso il criterio del mix sociale e il gestore sociale, la cooperativa Open Group, sarà presente nel complesso con un presidio permanente (un locale dedicato) e accompagnerà il popolamento del villaggio con azioni di mediazione sociale per creare una buona convivenza e facilitare le relazioni e i rapporti tra i nuovi inquilini. Per questo verranno anche individuati degli “attivatori di comunità”, ovvero persone che possano essere un punto di riferimento per gli altri e possano agevolare la creazione di buoni rapporti di vicinato. Con gli inquilini del villaggio la cooperativa scriverà un “patto di buona convivenza” per decidere assieme le regole comuni che possano favorire la vita all’interno del complesso.

Si tratta di un criterio che assicura la presenza equilibrata di persone provenienti da contesti culturali e sociali diversi per innescare scambi proficui favorendo così la formazioni di legami sociali duraturi e portando a una maggiore coesione. Nel precedente mandato amministrativo un'analoga sperimentazione era stata condotta per l'assegnazione degli alloggi Erp del comparto di via Rimesse e per quelli di via Franco Bolognese. Il settore politiche abitative ha analizzato i punti di forza e le criticità della precedente sperimentazione valutando che, oltre l'azione di mix sociale, fosse necessario aggiungere un percorso di accompagnamento dei futuri assegnatari. Da qui l’individuazione di un gestore sociale attraverso un avviso pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lizzano, trovato in un bosco lungo fiume: morto snowboardista 59enne

  • Musica a tutto volume nel condominio, i carabinieri gli staccano la luce

  • Perdita d'acqua in via Indipendenza, negozi allagati e disagi al traffico | VIDEO - FOTO

  • Diodato canta a sorpresa "Fai rumore" sotto i portici di via Oberdan

  • Via de Carolis: esalazioni sulle scale, palazzina evacuata e dieci intossicati

  • Incidente a Castenaso: scoppia una gomma, schianto frontale e due feriti

Torna su
BolognaToday è in caricamento