Xm24, Merola: 'Entro fine mese un bando per spazi, ma lì case popolari'

Il Sindaco aggiunge una data e un dettaglio sul destino dell'area, casa il centro sociale dal 2001

Si sblocca lo stallo sull'Xm24, il centro sociale di via Fioravanti, a cui il Comune di Bologna ha da tempo inoltrato un 'avviso' di sfratto dall'immobile occupato. Per mesi a Palazzo D'Accursio si è parlato di una proposta di trasloco in altra sede per gli attivisti.

Oggi il passo avanti, con l'annuncio da parte del sindaco Virginio Merola della pubblicazione entro la fine del mese di un bando per l'assegnazione di spazi in città, a cui potranno partecipare tutte le associazioni interessate (e coi requisiti per farlo). Xm24 compreso. "Sarà un percorso trasparente, non ci sono corsie preferenziali- assicura Merola, questa mattina a margine di una conferenza stampa al Teatro comunale- non faremo un bando per l'Xm24, ma per assegnare spazi di socialità su tutta la città. E se loro hanno i titoli, ci sarà una commissione che aggiudicherà gli spazi".

Centri sociali, Labas 'vince' Vicolo Bolognetti

Un percorso simile a quello intrapreso dal Comune per Labas, in sostanza, che ha portato il centro sociale ad avere in assegnazione i locali di vicolo Bolognetti, dopo lo sgombero dall'ex caserma Masini. "All'Xm24 proponiamo di partecipare ai bandi per avere la possibilità di concorrere per un'altra sede- ribadisce dunque il sindaco- perché noi lì abbiamo in mente di fare case popolari. Lo ribadisco, questa è una priorità dell'amministrazione. Non abbiamo nulla contro l'Xm24, se non che quella zona è bene che sia destinata ad aumentare le case di proprietà del Comune di Bologna, attraverso Acer".

Sia prima che dopo l'estate, a Palazzo D'Accursio era stato indicato l'autunno (ottobre, per la precisione) come 'deadline' per l'Xm24 in via Fioravanti. "I tempi ci sono tutti- assicura Merola- per comprendere che la possibilità c'è, partecipando a un bando che faremo entro novembre. Si tratta di un bando, non ci sono corsie privilegiate. Ma credo che dentro Xm24 ci siano persone e associazioni che fanno cose utili e quindi potrebbero essere interessate a questo bando".

Proprio oggi, intanto, con un banchetto in via Albani, ha preso il via la raccolta firme di Insieme Bologna per chiedere lo sgombero del centro sociale da via Fioravanti. "Continuare a volerlo ridurre a un problema di ordine pubblico non risolve nulla- replica Merola- perché resterebbero insoluti i problemi. Con l'accordo, invece, noi puntiamo a evitare di trasformare questa questione in un problema di ordine pubblico".

Il sindaco però avverte: "Non dipende tutto da noi. Se capiscono l'opportunità e la colgono, io credo che tutto si possa risolvere tranquillamente. Il problema è comprendere che non vogliamo cacciare via loro, ma che abbiamo bisogno di quell'immobile da destinare alla realizzazione di case popolari".

In zona Corticella, invece, Crash è vicino a un accordo con la proprietà dell'immobile occupato per continuare le proprie attività. "E' una modalità diversa, nella quale come Comune non siamo direttamente coinvolti- commenta Merola- ma è una modalità interessante, perché non si segue più la strada delle occupazioni, bensì quella dell'accordo con i privati. Insieme al questore stiamo seguendo la questione, nel senso che ci pare una strada più ragionevole rispetto alle contrapposizioni del passato", plaude il sindaco. (San/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo: allagamenti e smottamenti, fiumi esondati e oltre 300 persone evacuate

  • I Mercatini di Natale a Bologna: il calendario 2019

  • Maltempo: massimi livelli di allerta a Budrio, Castel Maggiore e Malalbergo, salvata coppia

  • Maltempo Bologna, emesso il nuovo bollettino meteo: è ancora allerta, piogge fino a notte

  • In Piazza Maggiore migliaia di Sardine vs Lega | FOTO e VIDEO

  • Dipendenti infedeli colpiscono Hera, furto da mezzo milione di euro sulle bollette

Torna su
BolognaToday è in caricamento