Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zuppi visita il centro islamico: "Dialogare contro odio, fa paura ciò che non si conosce"

L'arcivescovo in via Pallavicini per salutare i fedeli musulmani durante la preghiera del venerdì

 

L'arcivescovo Matteo Zuppi, nel primo venerdì di preghiera dall'inizio del Ramadan, visita il Centro di cultura islamica di via Pallavicini. 

L'arcivescovo, insieme a una delegazione della parrocchia di Croce del Biacco, oltre a far visita alla moschea e portare il suo saluto ai fedeli musulmani, si è trattenuto anche per ascoltare la preghiera del venerdì e il sermone dell'imam.

"Dobbiamo continuare su questa via di fratellanza - afferma Zuppi - nella convinzione che solo il dialogo e il rispetto permettono alle religioni di non essere usate dalla violenza, togliendo così al terrorismo qualunque pretesa di rappresentare la religione. I terrorismi invece sono sempre delle bestemmie della propria religione. Quando non si conosce o si vede da lontano, si pensa sempre che ci sia un nemico - spiega l'arcivescovo - conoscersi invece ci impegneà a combattere e a vivere nella realtà del nostro Paese e della nostra città, dove tutti i musulmani vogliono inserirsi e vivere pienamente nella cultura, nei diritti e nei doveri del nostro Paese".

"È chiaro che viviamo qualcosa di nuovo: è la prima volta che c'è una presenza di comunità islamiche così numerose in Italia, ma a maggior ragione dobbiamo essere di più noi stessi e dialogare, trovare la ricchezza nell'altro, perché questa presenza sia nel segno del rispetto e dell'umanesimo".

Progetto moschea 

Nessuna novità per il progetto di grande moschea a Bologna. Tutto fermo: mancano i soldi. Fa il punto Yassine Lafram, numero uno della Comunità islamica bolognese e presidente nazionale dell'Ucoii, che oggi ha accolto l'arcivescovo Matteo Zuppi in visita al Centro di cultura islamica di via Pallavicini a Bologna.

"Ciò che manca sono soprattutto i soldi - spiega - perché le condizioni politiche ci sono. Manca ad oggi un progetto che sia sostenibile, quando si realizzerà, potremo avere anche noi un luogo di culto dignitoso e non un fabbricato". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento