"Spaghetti alla bolognese", lettera aperta al sindaco

Il Comitato "Spaghetti alla Bolognese all'Estero" risponde alle dichiarazioni del Sindaco di Bologna su Spaghetti alla Bolognese, indicando origini, finalità e obiettivi degli spaghetti bolognesi all'estero

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Continua la querelle sui celeberrimi 'spaghetti alla bolognese', argomento tornato alla ribalta della cronaca dopo le recenti esternezioni del Sindaco di Bologna, Virginio Merola, già oggetto di attacchi e polemiche. Ora anche il "Comitato Spaghetti alla Bolognese all'Estero" interviene sul tema con una lettera aperta indirizzata al primo cittadino, che qui di sotto riportiamo integralmente.

Merola 'contro' gli spaghetti alla bolognese: il web si mobilita

Premessa

La Camera di Commercio di Bologna ha posto definitivamente fine alla "questio": se nella tradizione gastronomica bolognese fossero contemplati gli spaghetti. La risposa inappellabile è "si". Infatti, a conclusione di un'approfondita indagine storica condotta dalla Accademia italiana della Cucina, la Camera di Commercio di Bologna , ha ufficializzato la ricetta degli "Spaghetti al tonno" conferendole il titolo "alla bolognese". Quindi, d'ora in poi si chiameranno "Spaghetti al tonno alla bolognese. " Gli Spaghetti bolognesi emigrati all'estero ” hanno assunto il nome di "Spaghetti alla Bolognese" per distinguersi dalle altre ricette, ossia gli spaghetti alla napoletana e alla genovese, anch'esse emigrate in tutti i continenti. Ci complimentiamo per questa consacrazione che conferma che le famiglie bolognesi consumavano gli spaghetti tutto l'anno, nella fattispecie : il venerdì, giorno di penitenza, conditi con il tonno e gli altri giorni, secondo ricette alla carne, per ora nel limbo. Gli spaghetti, sono consanguinei dei Vermicelli, da 500 anni allietano le mense non solo dei bolognesi, ma anche quelle di tutti gli italiani. Gli Spaghetti bolognesi che sono emigrati in tutti i continenti e che a Bologna chiamiamo Spaghetti alla bolognese stranieri hanno tutta un’altra storia: la ricetta originaria si è adattata nel tempo alle esigenze dei paesi di approdo, pur restando fedele ai prodotti base che la contraddistinguevano: " carne, sedano, carota, cipolla e pomodoro". Per conoscere in dettaglio gli " Spaghetti alla bolognese all'estero" è a disposizione di tutti l' archivio che si trova su Google su cui è sufficiente digitare "Spaghetti bolognaise" e 77 milioni di voci Le forniranno le nostre fotografie, le nostre ricette e le nostre identità.

Spaghetti al tonno alla bolognese: la ricetta 

Lettera aperta del "Comitato"

1) Noi, Spaghetti alla Bolognese residenti all’ estero, non aspiriamo né chiediamo di ottenere da lei una fissa dimora o residenza in città. 2) Non chiediamo ai ristoratori di Bologna di accogliere nei loro locali gli “Spaghetti alla bolognese” stranieri, né tantomeno di essere presenti nei loro menu. 3) Ai bolognesi chiediamo di non portarci nelle loro cucine, ma di venirci a trovare nelle città dove risiediamo e di far conoscere ai nostri datori di lavoro e ai clienti le Tagliatelle alla Bolognese. 4) Garantiamo che non è nostra intenzione lanciare azioni promozionali nel nostro paese di origine che vadano a discapito delle “Tagliatelle alla Bolognese”. 5) Riconosciamo le ” Tagliatelle alla Bolognese” tra i principali piatti della gastronomia bolognese e garantiamo che in nessun modo o in nessuna circostanza desideriamo fare concorrenza alle “Tagliatelle alla Bolognese”. 6) Auspichiamo e desideriamo favorire ogni iniziativa che incentivi la presenza delle Tagliatelle alla bolognese all,estero. 7) Non abbiamo mire espansionistiche dirette a contaminare la gastronomia bolognese. 8) Non aneliamo ad ottenere riconoscimenti ufficiali dalla Camera di Commercio di Bologna. 9) Auspichiamo che solo il nostro brand ” Spaghetti alla Bolognese ”, noto in tutto il mondo, possa essere utilizzato in chiave marketing da Lei e dalle autorità istituzionali bolognesi allo scopo di incrementare il turismo verso la città di Bologna. 10) Se gli stranieri di passaggio a Bologna si fermano in un ristorante e ordinano un piatto di Spaghetti alla Bolognese, suggerisca, per favore, ai ristoratori della città di non rispondere che non esistono: ci farebbero solo una brutta figura. E’ più consono offrire un piatto di spaghetti conditi come pare al ristoratore. In nessun caso potranno assomigliare a quelli che l’avventore straniero consuma a casa sua. In alternativa, possono offrire un piatto di Tagliatelle alla Bolognese, noi non ci offendiamo; l’ importante è mantenere in evidenza il nome Bologna nel mondo. 11) Accademia della Cucina Italiana di Bologna, Mutua Salsamentari, Apostoli della Tagliatella, Aeroporto di Bologna, Fiera di Bologna, gastronomi bolognesi di ogni ordine e grado non considerateci soggetti ostili, usurpatori, denigratori, millantatori, o, peggio, concorrenti sleali della cucina tradizionale Bolognese. Noi abbiamo diffuso a nostre spese il nome di Bologna nel mondo, non abbiamo nessuna pretesa per aver fatto ciò se non quella di essere considerati servitori della città e non chiediamo nulla in cambio. 12) Noi Spaghetti alla Bolognese, nati e cresciuti all’estero, con la madre patria Bologna abbiamo in comune solo la parola Bologna. In ogni paese del mondo dove risiediamo le rispettive ricette differiscono tra di loro pur avendo in comune: sedano, carota, cipolla, carne e pomodoro, come da antica ricetta originale. 13) Nei meandri della storia gastronomica bolognese ricercatori esperti hanno riportato alla ribalta dal Limbo un'antica ricetta di spaghetti conditi alla Bolognese. Noi, spaghetti alla bolognese, emigrati all'estero siamo orgogliosi che la tradizione di spaghetti alla bolognese perseveri a Bologna con una ricetta locale.

I più letti
Torna su
BolognaToday è in caricamento