Batterio Killer, stangata per Coop e Conad: perso il 7% nelle vendite

Duro colpo per le vendite di ortaggi a seguito dell'allarmismo nato intorno al batterio 'killer'. Gamberini accusa l'"ambiguità del ministero tedesco", e lamenta "confusione" nella comunicazione mediatica

Il calo di consumi di verdura dovuti alla paura del batterio 'killer' Escherichia Coli, ha portato ad una perdita di circa sette punti percentuali per Coop e Conad nella vendita di ortaggi. A spiegarlo sono stati Claudio Gamberini, responsabile ortofrutta di Conad e Roberto Fiammenghi, responsabile acquisti ortofrutticoli di Coop.

I due ne hanno parlato, rispondendo ad una domanda dei cronisti nella conferenza stampa di bilancio del gruppo Cpr System a Bologna, di cui sono stati entrambi confermati vicepresidenti.

Per Gamberini "c'é stato un forte rallentamento", dovuto alla "confusione" nella comunicazione e alle "ambiguità del ministero tedesco". "La confusione - ha sintetizzato - ha rallentato tutto il settore".
Quantificata la perdita in "7-8 punti percentuale, stando ai dati diffusi da Gamberini.

Anche Fiammenghi ha sottolineato il fatto che "le rassicurazioni sono tardate ad arrivare" e che questo ha portato al "persistere della preoccupazione". Per Coop gli ortaggi "hanno perso tra i cinque e i sette punti".
(ANSA)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Perturbazione meteo, previsione nevicate: Autostrade mette in guardia

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

Torna su
BolognaToday è in caricamento