Da restauratore a designer: 'La mia bici di legno nasce a Bologna, piace all'estero'

Dal furto di una bicicletta nasce l'idea amica dell'ambiente: bici di legno con componenti esclusivamente made in Italy. E il progetto Bruko alla fine piace ( non solo agli hipster)

Paolo Brunello è arrivato a Bologna dal Veneto per giocare a baseball. Erano gli anni d'oro degli sport cosiddetti "minori" e lui era un ambito giocatore della Fortitudo, che all'epoca (parliamo degli anni '80) gareggiava in serie A. Fra una casa base e uno strikeout, cambiando maglia e città di tanto in tanto (come accade ai giocatori professionisti) il tempo passa e Paolo sceglie una professione che vada al di fuori del "diamante" (così viene chiamato il campo da baseball vista la sua forma) e comincia ad apprendere l'arte del restauro del legno a Vicenza. 

Ecco quindi che dopo un lungo periodo di formazione arriva il suo laboratorio bolognese, un'antica bottega di via Arienti che diventa a tutti gli effetti la sua casa ed è qui che oggi, dopo aver rimesso in sesto un banquette Luigi XIV e recuperato un cassettone dell'Ottocento, Paolo finalmente si può dedicare al progetto "Bruko", nato dalle idee condivise con la socia Sara Koller (Bruko = Brunello + Koller): longboard e biciclette in legno, ma anche occhiali da sole e skimboard (simile al surf, ma si usa a riva). 

Acero e Betulla sono le materie prime perfette per raggiungere un risultato che deve far collimare sicurezza e design, resistenza e alta qualità del prodotto finito: "Un giorno di qualche anno fa ho subito il furto della mia bici e ho dato un'occhiata a quello che offre il mercato in quanto a due ruote - racconta Paolo - Poi la presunzione di chi le cose ama farle con le proprie mani: e se me ne progettassi una di legno? E il destino mi ha dato una spintarella perchè cercando una forcella adatta a quello che sarebbe stato il mio mezzo ho conosciuto Leo, entrato infine nel progetto a tutti gli effetti". 

Quindi il progetto "Bruko" è nato quasi per caso? Ma ha alle spalle anche dei valori precisi...

"Esatto, è nato  quasi per caso in questo piccolo laboratorio di restauro. Con i miei soci abbiamo cercato di creare prodotti che fossero un connubio tra prestazione e bellezza e durante il nostro percorso ci siamo posti l'obiettivo di lasciare la traccia più leggera possibile del nostro passaggio su questa Terra, riducendo al minimo l'utilizzo di resine artificiali (vetroresina o fibra di carbonio) nella lavorazione".

Biciclette e longboard, ma anche accessori...

"Intanto le nostre biciclette hanno un nome particolare, si chiamano Brukobike. L'abbiamo creata basandoci sullo studio della stratificazione del legno arrivando ad ottenere un telaio resistente e sicuro, ma assolutamente non pesante, perfetto per il  passeggio cittadino. Nell’ideare il design della nostra bici siamo stati ispirati dalle biciclette in carbonio, che hanno una linea sportiva e 'aggressiva'. Abbiamo quindi voluto fondere questo stile moderno col calore e la tradizione del legno, ottenendo un effetto innovativo e fresco.La sua evoluzione è poi la bicicletta elettrica, anch'essa studiata nei minimi dettagli. 

Per quanto riguarda i longboard, la gran parte delle nostre tavole rigide sono fate unicamente in legno senza uso di fibre, nascono rigide e tali rimangono grazie al 'concave'. Nella produzione dei longboard flessibili, stiamo lavorando sul principio dell'arco da tiro composto:  betulla strati di acero e/o mogano e lamina in formica sono presenti nelle tavole, in proporzioni diverse, per garantire la giusta proporzione di rigidità, elasticità e leggerezza. Grazie a questa scelta possiamo utilizzare le colle viniliche invece delle resine bicomponenti,  che sono tossiche e molto più inquinanti. Abbiamo poi per tutti i prodotti una gamma di accessori, come per esempio i pedali". 

Chi ha comprato la prima Brukobike?

"L'ha comprata un ragazzo norvegese che era a Bologna di passaggio e che casualmente l'ha vista qui in laboratorio. L'ha voluta a tutti i costi e l'ha portata nel suo Paese. La seconda invece è andata in California...piace molto all'estero...". 

A proposito di estero, la produzione è totalmente made in Italy?

"Noi siamo per far lavorare gli italiani, visto che per tanti versi siamo imbattibili: badiamo alla qualità e tutti i coponenti dei nostri prodotti sono quasi a chilometro zero. Il motore della bicicletta elettrica per esempio arriva da Cesena...". 

Dove si acquistano e quanto costano?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In laboratorio, sul nostro sito e presto anche in un negozio bolognese che si chiama Ciclo Caffè 'Le Ruote', in via Massarenti. I prezzi variano naturalmente, ma direi longboard sui 150 euro e bici a partire dal migliaio di euro". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

Torna su
BolognaToday è in caricamento