Rivoluzione Coop Adriatica: un nuovo Presidente e un Cda tutto "rosa"

Avvicendamento al vertice, si insedia Adriano Turrini. Il consiglio di amministrazione, resterà in carica tre anni e conta 25 membri invece che 30. Novità del nuovo assetto: oltre la metà sono donne

Avvicendamento al vertice in Coop Adriatica, dove si è appena insediato il nuovo Presidente, Adriano Turrini. Il consiglio di amministrazione, che vede Giovanni Monti come vicepresidente, resterà in carica tre anni ed è l'ultimo atto di rinnovamento della governance della capogruppo, iniziato nel 2008.

Cda in rosa, 15 donne su 25. Sono due le novità principali del nuovo assetto: un cda composto da 25 consiglieri invece di 30 e di cui fanno parte 15 donne.

Il passaggio di consegne è avvenuto dalle mani dell'ormai ex presidente Gilberto Coffari, che ha ripercorso posto l'accento sul futuro: "Da quest'anno apriremo una stazione di carburanti. Quello a cui puntiamo è incentivare la concorrenza e crescere nella legalità".

TRAND VENDITE IN CRESCITA. L'insediamento è avvenuto al termine della assemblea generale che ha approvato il bilancio 2010, alla presenza del sindaco di Bologna Virginio Merola, del presidente della Regione Vasco Errani e del presidente nazionale di Legacoop Giuliano Poletti.

La cooperativa ha chiuso il bilancio 2010 con vendite per 2.035 milioni di euro (+4,3% rispetto al 2009) e conta attualmente 1.108.000 soci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

  • Incendio in via Sant'Isaia, morta una giovane donna

  • Coronavirus, aumentano i contagi in regione: + 71. Donini alle aziende: "Fate screening"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: altri 47 casi, metà a Bologna e 11 sintomatici

  • Dimesso dall'ospedale, torna e aggredisce operatore con calci e pugni

  • Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 10 luglio: focolaio impresa di logistica, +36 casi a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento