Coronavirus, paura per Centergross: si rischia il fallimento

L'appello degli imprenditori: "Intervenga lo Stato"

Foto Agenzia Dire

La cittadella bolognese del fast fashion trema. Cresce la preoccupazione tra oltre 400 aziende del Centergross chiuse ormai da due settimane. "Il fallimento della maggior parte delle nostre aziende è alle porte. Abbiamo bisogno dello Stato", scrivono gli imprenditori della moda del distretto, che occupa circa 6mila persone e muove un fatturato complessivo di circa cinque miliardi all'anno.

Diversi imprenditori del Centergross, compresi marchi importanti come Imperial, Rinascimento, Gruppo Kaos, Kontatto, Vicolo, Souvenir, Susy Mix, Successori Bernagozzi, Tiemme Export e Ovyé avanzano al governo una serie di proposte, chiedendo tra le altre cose, liquidità immediata e proroghe su pagamenti e tasse da versare. Emma Tadei, direttrice generale di Rinascimento, brand parte del Gruppo Teddy (2.892 dipendenti per un fatturato consolidato di 644 milioni di euro nel 2018), sostiene la necessità di "iniziare un percorso con le associazioni di categoria e con chi siederà al tavolo per decidere il prossimo decreto di aprile 'Salva Italia'.

"Così come è importante continuare ad avere un rapporto diretto con il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, visto che molti temi sul commercio saranno di competenza regionale". Altri prendono la parola in questo momento difficile per proporre siluzioni che salvino il comparto. "Una soluzione potrebbe essere l'eliminazione dell'iva e dei contributi da versare allo Stato, mentre le aziende, a loro volta, potrebbero effettuare degli sconti sui capi. L'importante è far ripartire la filiera e snellire i costi che possono appesantire il sistema economico. Per il made in Italy nel mondo, la moda è un valore aggiunto che l'Italia non può perdere", scandisce Federico Ballandi, titolare di Kontatto, azienda di 60 dipendenti e un fatturato di 23 milioni nel 2019.

È "necessario affidarsi, ora più che mai, agli strumenti che la tecnologia ci offre, l'e-commerce innanzi tutto, e pertanto chiediamo che lo Stato metta a disposizione finanziamenti agevolati e bonus fiscali per investimenti sul digitale. Questo permetterà alle imprese di recuperare in futuro il terreno che stanno perdendo oggi", sostiene Gianluca Santolini, titolare di Susy Mix, realtà con 50 dipendenti e 32 milioni di fatturato.

"Necessitiamo di finanziamenti per l'intera filiera produttiva da erogare alle aziende e ai nostri clienti, i commercianti, che versano nella nostra stessa situazione. Produciamo beni che hanno una deperibilità pari a quella del settore food, perché sono stagionali, vivono del momento. Lo Stato dovrà sostenere il vero Made in Italy, perché ancora oggi l'artigianalità italiana ha un valore inestimabile, sul quale nessuno può competere. E lo Stato deve premiare le aziende italiane", incalza Marco Calzolari, titolare del Gruppo Kaos (50 milioni di fatturato e 91 dipendenti).

"Il Centergross ha garantito prosperità alle aziende e al territorio, è stato un forte richiamo per i buyers internazionali, ha raggiunto un volume di affari imponente e assicurato lavoro direttamente a oltre 6mila persone, ad altrettante in modo indiretto. Ora questa eccellenza del made in Italy rischia di crollare e dobbiamo fare tutto il possibile per salvarla: chiediamo quindi al governo di fornirci gli strumenti necessari per contrastare una crisi che rischia di raggiungere dimensioni irreparabili", conclude il presidente Piero Scandellari.

Coronavirus, bollettino 31 marzo: + 543 contagi in Emilia-Romagna, continuano a salire le guarigioni

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 31 marzo: i dati comune per comune

In prima linea nel reparto Covid-19: "Non ci si abbandona alla paura, ma si trova dentro l’energia per combattere”

VIDEO | Cure casa per casa: "Il piano funziona, se avete febbre aspettateci" 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Coronavirus: nuove sanzioni per chi viola le misure, multe salate fino all'arresto

Io, infermiere all'ospedale Covid Bellaria: "Si muore soli, ma c'è umanità" | VIDEO INTERVISTA

Coronavirus, le misure adottate dal Comune di Bologna: sosta, tasse, rifiuti, scuola - VIDEO

Coronavirus, segretario Federfarma: "Rischiamo la salute per garantire quella dei pazienti. E siamo senza mascherine"

Infermieri in prima linea: “Trasferiti in hotel per tutelare le nostre famiglie. Figli lontani da settimane”

Coronavirus, le misure adottate dal Comune di Bologna: sosta, tasse, rifiuti, scuola - VIDEO

Mappa interattiva coronavirus: casi, incidenza per provincia, dati terapia intensiva

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Maxi rissa in Piazza Verdi, volano pugni e bottiglie: "Un inferno mai visto prima"

  • Debiti e tasse non pagate: sequestrato storico ristorante, coniugi agli arresti

Torna su
BolognaToday è in caricamento