Contributi per vacanze studio: i programmi wep conformi al bando “EstateInpsieme” 2018

Più di 23.400 borse di studio di un valore fino a € 2.000 per i figli di dipendenti e pensionati pubblici che vogliono imparare una lingua straniera in un paese europeo o extra europeo.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

C’è tempo fino al 2 marzo per partecipare a “EstateINPSieme”, bando – ex Valore Vacanza erogato dall’INPS – che assegna una borsa di studio a figli di dipendenti e pensionati pubblici, ai figli di iscritti alla Gestione Fondo IPOST e ai figli di assistiti IPA che vogliono frequentare un corso di lingua all’estero durante le vacanze estive. Il contributo, che si rivolge agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, consentendo di coprire quasi totalmente il costo del corso, è un concreto incentivo alla mobilitazione e alla crescita culturale degli studenti. Entro il 26 marzo verranno comunicati i vincitori delle 23.430 borse di studio, pensate per coprire un soggiorno di 2 settimane in un paese europeo o extra europeo, in college o residenze scolastiche, per i ragazzi delle scuole superiori e che non hanno ancora compiuto 23 anni. Il contributo va da un minimo di € 1.200 a un massimo di € 2.000 calcolato, in percentuale, sull’ISEE della famiglia, non scendendo mai al di sotto del 60% del valore totale della borsa di studio. I vincitori verranno selezionati dando priorità agli studenti disabili o con invalidità civile al 100% e tenendo conto della promozione con o senza debiti formativi nell’anno scolastico 2016/2017, della media scolastica e della situazione economica della famiglia. Ai giovani disabili è data la possibilità di avvalersi di assistenza continua di personale qualificato, con costi a carico dell’Istituto (ex Inpdap). Partecipando al bando, WEP – organizzazione internazionale che promuove scambi linguistici e educativi per ragazzi – è tra le realtà a cui è possibile rivolgersi per l’organizzazione della vacanza studio. WEP promuove infatti programmi che possono beneficiare di tale contributo, come ad esempio i viaggi studio all’estero, con sistemazione presso famiglia ospitante o residence. Le mete disponibili sono tante, dalla Gran Bretagna agli Stati Uniti, passando per Spagna e Malta. Per richiedere il contributo occorrerà effettuare la registrazione telematica per ottenere il PIN dispositivo e inviare la richiesta di partecipazione direttamente dal sito dell’INPS con la documentazione apposita, come specificato sul bando, entro il 2 marzo. Entro il 26 marzo verrà pubblicato l’elenco dei vincitori e degli ammessi con riserva, sempre sul sito www.inps.it. Maggiori informazioni sono consultabili al sito: https://www.wep.it/bandi-inps-2018.

I più letti di oggi
Torna su
BolognaToday è in caricamento