EffettoCortoCircuito: cosa succede quando gli psicoanalisti scrivono un programma radiofonico?

EffettoCortoCircuito è un programma radiofonico per parlare di psicoanalisi e sintomi psichici in un modo divertente e leggero. In onda alle 17.00 tutti i giovedì fino al 17 Agosto su Radio Città del Capo

Come nasce l’idea della radio?

www.dedalusbologna.it, centro di Clinica Psicoanalitica per i nuovi sintomi del disagio contemporaneo, da sempre  ha  scelto di uscire dalle mura dello studio per raggiungere le persone e mostrare che chiedere l’aiuto di uno specialista è fondamentale per affrontare certe sintomaticità.
Proprio per questo motivo, dal 2008 Dedalus centro di Clinica Psicoanalitica collabora con il comune di Bologna con due servizi: lo Psyonline e lo Psyinbo. Si tratta di due sportelli di orientamento ai servizi pubblici uno virtuale sul portale Flashgiovani e uno reale presso Informagiovani. Incontriamo settimanalmente i ragazzi e li aiutiamo a quello che tecnicamente si chiama: costruzione della domanda, cerchiamo cioè di capire insieme cosa li fa soffrire.
Sembra una questione semplice, di poco conto ma non è così, spesso sentono di stare male, di avere dei sintomi macroscopici ma non riescono, da soli, a capire all’interno di questo intricato dolore ciò che chiedono: comprensione, aiuto, sapere, eliminazione dei sintomi, sostegno farmacologico. Fatta chiarezza su questo diamo indicazione sui servizi pubblici cittadini, su come accedervi e sul percorso maggiormente indicato per la loro problematica.
Dopo tanti anni di tutto questo lavoro con il Comune di Bologna abbiamo fatto una nuova scommessa: la radio.

Qual’è il messaggio che volete veicolare con questa trasmissione?

Desideriamo che gli ascoltatori capiscano che si può chiedere aiuto, non è una vergogna farlo, altre persone stanno male, c’è bisogno di specialisti preparati non si può pensare di risolvere i Sintomi psichici da soli o parlandone con gli amici, i genitori…
EffettoCortoCircuito dura una ventina di minuti, in sei puntate affrontiamo i Sintomi che maggiormente incontriamo nei giovani: ansia/attacchi di panico, dipendenza da internet, bullismo/cyberbullismo, dipendenza da sostanze, allucinazioni, disturbi del comportamento alimentare.

Qual’è la particolarità di questa trasmissione?

Innanzitutto è un copione scritto. Ci siamo domandati a lungo come poter affrontare questi temi ed il nostro timore era che l’improvvisazione legata alla diretta portasse ad una banalizzazione delle cose dette, purtroppo spesso accade quando si trattano i sintomi psichici con le tempistiche dello show.
Il copione scritto da noi psicoanalisti del centro Dedalus è stato rivisto, recitato, registrato e montato dagli attori della compagnia Fantateatro che ha una particolare sensibilità per il mondo dei giovani.
L’altra particolarità è che si potrebbe idealmente dividere in tre parti.

Nella prima incontriamo una Psicoanalista e un conduttore radiofonico molto “saccente” e “saputo” rispetto alle questioni psi. Il dibattito tra i due permette di raccontare qualcosa della teoria Psicoanalitica di lettura del sintomo. In questo primo stacco troviamo le testimonianze raccontate dalla voce dei pazienti: dei veri e propri piccoli casi clinici. Questa parte finisce con una canzone scelta per la precisione con cui porta in risalto il sintomo di cui si discute in puntata. Per citarne una: En e xanax di Bersani.

Poi inizia una parte particolarmente comica: il radiodramma. Il radiodramma ha un sapore antico. Una breve sit com in cui la domestica di casa Freud conversa con un giovane specializzando in psicoanalisi. Si prendono un po' in giro i luoghi comuni, le frasi fatte, le teorie mal usate del mondo psicoanalitico. Il pretesto di questi scambi è ogni volta un personaggio del mondo fantastico che è in verità un paziente di Freud. Un esempio su tutti: charlie Brown che ha problemi di ansia. 
Inizia poi l’ultima parte, idealmente ritornando in studio dove ritroviamo il conduttore Norman e la dottoressa Marney, la psicoanalista.
È il momento della classica telefonata da casa. Un sofisticato computer sceglie chi chiamare perché racconti in diretta una difficile esperienza con il sintomo di cui la puntata tratta.
Qui incontrerete un personaggio che imparerete ad amare ed a conoscere profondamente col passare delle puntate. Questa terza parte è quella in cui il sintomo viene descritto nei suoi particolari più dolorosi e reali, permette in qualche modo di identificarsi con le sofferenze de personaggio che le racconta e nel riconoscersi.

Che obiettivo volete raggiungere con un programma di questo genere?

Il nostro più grande desiderio è quello di avvicinare la psicoanalisi alle persone, di far capire che non è una teoria intellettuale astrusa e anacronistica, ma che ha un sapere sulla sofferenza mentale, che è una terapia efficace a cui rivolgersi.

In questo periodo storico dove ogni disfunzione, tutto ciò che non è prestazione, necessita di essere eliminato, rimosso nel più breve tempo possibile, la psicoanalisi ci ricorda che il sintomo invece va ascoltato perché paradossalmente ha a che fare con la parte più intima di noi, con la nostra profonda verità.

La psicoanalisi ad esempio ha a che fare profondamente con l’ironia, con il comico, con l’equivoco, con il fraintendimento, con l’umorismo. Ma a tutto questo non si pensa mai, la si ritiene una teoria polverosa e noiosa, EffettoCortoCircuito vi mostrerà il lato nascosto dello studio degli psicoanalisti, quello di cui si parla sempre troppo poco: la vita che c’è dentro ogni seduta.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      L'addio a Eleonora: un corteo di moto e l'idea di un "memorial"

    • Cronaca

      Caso di Zika in zona universitaria: attivata la profilassi

    • Cronaca

      Sgombero in via della Cooperazione, Crash promette: 'Se necessario, continueremo a occupare'

    • Cronaca

      Terrorismo e sicurezza, per la Festa dell'Unità più barriere e telecamere

    I più letti della settimana

    • Campagna abbonamenti Tper 2017: rateizzazioni e sconti al cinema

    • Ferragosto positivo per il turismo in città, aumentano visitatori e pernottamenti

      Torna su
      BolognaToday è in caricamento