Sciopero alla Granarolo, i sindacati: 'Chiude un reparto, accordi violati'

L'annunciato riassetto delle mansioni dentro lo stabilimento alle porte di Cadriano non sarebbe stato rispettato nei suoi passaggi

Secondo ciclo di sciopero alla Granarolo. Oggi per 4 ore tutti i lavoratori dello stabilimento di Bologna si fermeranno per poter protestare contro il trasferimento di parte della produzione a una azienda controllata dal gruppo in Friuli Venezia Giulia.

Nodo del contendere è la chiusura nel bolognese della sezione dei 'formaggi duri' e il sopracitato trasferimento della lavorazione dello stracchino fuori regione. Per questo, già la settimana scorsa c'erano state tre ore di Fermo e oggi la replica: in tutto il pacchetto di ore di astensione dal lavoro riguarderà 32 ore.

I sindacati ribadiscono, in una nota, che il Gruppo caseario Made in Bo non ha rispettato gli accordi decisi nei mesi precedenti, che prevedevano un riassetto progressivo delle attività produttive dentro lo stabilimento in maniera da salvaguardare in gran parte le capacità produttive e occupazionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • Elezioni Regionali Emilia-Romagna, i risultati: Bonaccini vince e va oltre il 50 per cento

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Regionali Emilia Romagna, le Sardine festeggiano e escono di scena: "Non siamo nati per stare sul palcoscenico. E' tempo di tornare alle nostre priorità"

  • Incidente, scontro frontale a Castel Guelfo: 24enne grave al Maggiore

  • Lunga giornata di voto in Regione. Boom alle urne, oltre il 70% a Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento