Industria rallenta in Emilia-Romagna: soffrono moda e meccanica

Indagine congiunturale realizzata da Unioncamere Emilia-Romagna in collaborazione con Confindustria Emilia-Romagna e Intesa San Paolo

Industria in rallentamento in Emilia-Romagna: la frenata, infatti, "si accentua e si fa evidente" nel terzo trimestre del 2019, segnala l'indagine congiunturale realizzata da Unioncamere Emilia-Romagna in collaborazione con Confindustria Emilia-Romagna e Intesa San Paolo.

In dettaglio, la produzione dell'industria in senso stretto è scesa dell'1,7% rispetto all'analogo periodo del 2018, confermando la tendenza negativa del trimestre precedente (-0,8%). Il fatturato a valori correnti è si è ridotto dell'1,3%, quello estero ha contenuto la correzione (-0,4%).

E "la prospettiva non appare incoraggiante considerato che l'acquisizione degli ordini mostra una tendenza peggiore (-1,8%). L'unico conforto viene dalla tenuta degli ordini esteri, rimasti invariati", afferma dunque Unioncamere. La crescita procede ancora bene per l'industria alimentare, con produzione in aumento del 2,6%, e a livelli molto più contenuti per l'aggregato delle 'altre industrie' (+0,4%).

L'industria di legno e mobile fa solo un lieve passo indietro (-0,4%). Invece, per le industrie meccaniche, elettriche e mezzi di trasporto (-2,7%) e per la metallurgia (-3,2%) il passo indietro, secondo Unioncamere, è da considerarsi "ampio, ma la flessione è veramente pesante per le industrie della moda (-6,1%)". Rispetto alla dimensione di impresa, la produzione e' scesa del 3% per le aziende fino a 10 dipendenti, la flessione è più contenuta per le piccole da 10-49 dipendenti (-1,2%), ma si è lievemente accentuata per le medio-grandi da 50 a 500 dipendenti (-1,7%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'occupazione, invece ha chiuso il terzo trimestre nuovamente in aumento, giungendo quasi a quota 548.000 unità, +2,1%, pari a poco più di 11.000 unità rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso. Nella media del periodo tra ottobre 2018 e settembre 2019 l'occupazione ha quasi raggiunto quota 547.000, +4,1%, pari a quasi 22.000 unità rispetto ai 12 mesi precedenti. Infine, il dato sulle imprese attive: a fine settembre 2019, risultavano 44.476 (pari all'11,1% delle imprese attive della regione), con una diminuzione corrispondente a 589 imprese (-1,3%) rispetto all'anno precedente, "ma la velocita' della riduzione aumenta". (Mac/ Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

Torna su
BolognaToday è in caricamento