Kemet, contratto di solidarietà per 362 dipendenti: 'Con le multinazionali si può dialogare'

Siglato accordo sulla situazione dello stabilimento di Pontecchio Marconi. Costi: "Dimostra che si possono trovare accordi nell'interesse dei lavoratori, dell'azienda e del territorio"

tavolo in Regione

Verso il contratto di solidarietà per 362 dipendenti della Kemet di Sasso Marconi che consente alla azienda di completare gli investimenti previsti. È questo in sintesi quanto emerso dal tavolo regionale sulla Kemet Electronics Italia Srl dove oggi pomeriggio in  Regione, si è ha fatto il punto sulla situazione sullo stabilimento di Pontecchio Marconi.
All’incontro – convocato dall’assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi – sono intervenuti la Città Metropolitana di Bologna, il Comune di Sasso Marconi, i rappresentanti  dell’azienda, le rappresentanze sindacali aziendali assistiti da Fim-Cisl e Fiom-Cgil. Al termine dell’incontro è stato siglato un verbale di accordo.

«La Regione continua a lavorare, impegnando  risorse e azioni, a sostegno di iniziative volte a mantenere e creare occupazione nel nostro territorio: l'obiettivo generale resta quello di creare le condizioni perché possano consolidarsi e svilupparsi le imprese esistenti ed insediarsi nuove attività. L’accordo raggiunto rappresenta un esempio di buone relazioni tra azienda, una multinazionale, e le parti sociali". Accordo utile – ha sottolineato l’assessore regionale Palma Costi - alla salvaguardia occupazionale e al "sostegno del piano industriale aziendale necessario per affrontare le sfide della competizione futura". È la dimostrazione "che si può dialogare con le multinazionali, si possono trovare accordi nell'interesse dei lavoratori, dell’azienda e del territorio: con responsabilità e condivisione insieme si posso affrontare le difficoltà". Così conclude Costi, probabilmente pensando invece al dialogo complesso in essere con un'altra multinazionale operante sul nostro territorio, la Philips, che non arretra sugli oltre 240 licenziamenti alla Saeco di Gaggio Montano.

Nell’Accordo si evidenzia che l’azienda proseguirà con il piano di investimenti prevedendo che una parte di quelli previsti oggi non siano oggi più prioritari in funzione delle variazioni del mercato poiché le nuove tecnologie e le scelte industriali dei clienti finali rendono necessarie successive e costanti rivalutazioni. Per questo Kemet sta esplorando e testando nuove produzioni e ambiti di mercato e entro il mese di maggio 2016 sarà avviata una verifica specifica sui test contestualmente alla presentazione delle linee generali dell’aggiornamento del piano industriale.

"Per accompagnare questo percorso di investimento e sviluppo - dice l'amministrazione regionale - compatibilmente con i tempi tecnici"  è stato firmato con le organizzazioni sindacali nel verbale di accordo per un Contratto di Solidarietà della durata di 12 mesi per un massimo di 362 dipendenti coinvolti. Al termine del Contratto di Solidarietà, e comunque non oltre il novembre 2016, Kemet valuterà la situazione produttiva e di mercato al fine di esaminare l’eventualità di fare ricorso a ulteriori strumenti. Le parti mensilmente esamineranno lo stato di applicazione dell’accordo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • Rapina la banca, poi confessa davanti al Giudice: “Mio figlio malato, la paga da operaio non basta”

  • "Evasione fiscale da 140 milioni di euro": Maxi sequestro della Finanza, anche auto storiche di lusso

  • Avvelenato e lasciato nel parcheggio va in coma e muore dopo 2 giorni: fermati due coniugi

Torna su
BolognaToday è in caricamento