La Perla, la sinistra: "Di Maio intervenga, si fa economia sulla pelle dei lavoratori'

“Il Governo ha latitato fino ad oggi, ma non è più possibile attendere"

“Grave e inaccettabile la decisione della proprietà de La Perla di aprire la procedura di mobilità per 126 lavoratrici a Bologna sulle 1200 impiegate in tutto il mondo”. Il senatore Vasco Errani (Articolo Uno) e il consigliere regionale Igor Taruffi (Sinistra Italiana) intervengono su quanto deciso dall'aziende di lingerie di lusso: “Ancora una volta assistiamo alla decisione unilaterale di una azienda di fare economia esclusivamente sulla pelle dei lavoratori senza alcuna strategia industriale di sviluppo e alcuna considerazione del territorio".

Sindacati e lavoratrici tutti in stato di agitazione, con scioperi già messiin atto e in programma: "La Perla è un'eccellenza: scegliere di tagliare un terzo delle lavoratrici bolognesi, vuol dire cancellare conoscenze e capacità che in questo territorio si sono sviluppate e sono cresciute - continuano - la professionalità e le competenze dei lavoratori vanno tutelate, e va tenuto conto che molte delle lavoratrici sono impiegate a La Perla da moltissimi anni e, seppur con un grandissimo know-how, avrebbero difficoltà di ricollocazione anche per la loro estrema specializzazione”. 

Licenziamenti La Perla, nessun passo indietro: 'Incontro deludente'

“Il Governo ha latitato fino ad oggi, ma non è più possibile attendere. La Regione e il Comune hanno cercato soluzioni, ma senza alcuna risposta da parte della proprietà. Il ministro Di Maio intervenga e apra subito un tavolo sulla crisi, l’ennesima che colpisce aziende del nostro territorio. Presenteremo interrogazioni in Regione e in Senato per sollecitare un intervento immediato da parte del ministero del lavoro. Perché è intollerabile che siano i lavoratori a pagare le conseguenze di scelte aziendali scellerate”.

Licenziamenti La Perla, nessun passo indietro: 'Incontro deludente'
“Andremo avanti, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori coinvolti, con le iniziative di lotta per la difesa del loro posto di lavoro – dichiara Sonia Paoloni, segretaria nazionale della Filctem Cgil - Vogliamo, infatti, aprire un nuovo tavolo vertenziale al Mise. Questa decisione si è resa ineluttabile – continua Paoloni - dopo che l’azienda ci ha comunicato il rifiuto sia al ritiro del licenziamenti sia alla sospensione della procedura che riguarda il futuro di questi 126 lavoratori”.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Potrebbe interessarti: http://www.bolognatoday.it/economia/la-perla-licenziamenti-sindacati.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/BolognaToday/163655073691021

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid oggi: a Bologna (quasi) la metà dei nuovi contagi e decessi registrati in Regione

  • Covid-19, al via le convocazioni per i test a campione: "1.000 solo a Bologna città, si viene contattati per telefono"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Frecce Tricolori a Bologna: il passaggio sulla città il 29 maggio

Torna su
BolognaToday è in caricamento