Moody's: anche i conti di Bologna finiscono sotto la lente di ingrandimento

La tensione per un eventuale "declassamento" serpreggia nell'aria, ma Errani tranquillizza "Non sono preoccupato" e il vicensindaco puntualizza: nel mirino dell'agenzia di rating "non Bologna, ma tutti"

Serpeggia nell'aria tensione da quando l'agenzia Moody’s ha messo sotto osservazioni i conti del Comune e della Provincia di Bologna. Paventato il rischio di "downgrade" del rating. Gli indicatori coinvolti, si legge nella nota diffusa da Moody's, sono per la Regione Emilia-Romagna "Aa2 issuer and debt ratings", per la Provincia di Bologna "Aa3 issuer rating" e per il Comune di Bologna "Aa2 issuer rating".

VICESINDACO "POLITICHE PER LA CRESCITA". Ma la vicesindaco di Bologna, con delega al  Bilancio, Silvia Giannini, ha tenuto a smorzare le tensioni e puntualizzare: “E’  l’Italia intera che è stata messa sotto osservazione da Moody’s - ha precisato - non sono i singoli Comuni. Ci tengo a sottolineare che ad essere sotto la lente d’ingrandimento dell’agenzia di rating non è il bilancio del Comune di Bologna." Nel mirino dell’agenzia statunitense, infatti, per un possibile downgrade, il rating di 23 enti locali e Regioni, tra cui l’Emilia-Romagna.

"Moody’s ha deciso di porre sotto osservazione il rating assegnato all’Italia - ha continuato la vicesindaco- perché all’elevato debito pubblico si associano fattori che da tempo impediscono a questo Paese di crescere. Per evitare un eventuale declassamento -ha spiegato Giannini - occorre perciò che al controllo dei conti pubblici si associno politiche economiche orientate alla crescita. sotto la lente per possibile 'downgrade'.".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ERRANI TEME PER IL PAESE. Rassicurazioni anche da parte del presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, che tranquillizza i bolognese scommettendo su "nessuna ripercussione" .
 “Lo stato di salute dei conti dell’Emilia-Romagna è buono – ha aggiunto il presidente Errani -, basta leggere la relazione della Corte dei Conti. Siamo la Regione meno indebitata d’Italia, abbiamo un governo dei conti assolutamente virtuoso, trasparente. Del resto, le Regioni che sono state messe sotto osservazione da Moody’s sono quelle la cui qualità è più elevata”.
“Dunque se sono preoccupato – ha concluso – lo sono per il nostro Paese: credo sia arrivato il momento di fare una vera operazione di trasparenza sulle reali condizioni dei conti pubblici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bufera social, Cremonini sulla colf: "L'ho chiamata Emilia, se pago posso cambiare il nome"

  • Covid, focolaio magazzino Bartolini. Ausl: "200 sotto sorveglianza, 64 positivi e 2 ricoveri"

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza di Bonaccini: posti a sedere su bus e treni occupati al 100%

  • Positivi due lavoratori di una pizzeria a Casalecchio, la scoperta dopo una rissa: tamponi a tappeto e controlli

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 25 giugno: picco contagi per Bologna

Torna su
BolognaToday è in caricamento