Contro gli affitti in nero, torna l'iniziativa 'Nonni adottano studenti'

Uno studente per un po' di compagnia, assistenza e qualche servizio: in cambio una stanza singola, pronta ed arredata

L'associazione dei proprietari immobiliari Confabitare ripropone per il quinto anno a Bologna l'iniziativa 'Nonni adottano studenti' per il prossimo anno accademico.

Per rispondere alle esigenze economiche degli studenti e, contemporaneamente, contrastare il fenomeno del 'mercato nero' degli affitti, l'iniziativa vede protagonisti anziani soli o in coppia che danno la loro disponibilità ad accogliere in casa uno studente in cambio di compagnia, un po' di assistenza e qualche servizio, come la spesa, l'acquisto delle medicine o le commissioni quotidiane. Lo studente, dal canto suo, avrà a disposizione una stanza singola, pronta ed arredata, senza dover pagare l'affitto.

Lo scorso anno sono stati sistemati 83 studenti, 58 ragazze e 25 ragazzi, tra il centro e la prima periferia di Bologna. Dal 2009 Confabitare ha fatto entrare oltre 130 ragazzi in altrettante famiglie. "Oltre ad un valido esempio di convivenza - commenta il presidente di Confabitare, Alberto Zanni - la nostra iniziativa si propone da una parte di combattere, in maniera più efficace, il fenomeno degli 'affitti in nero', dall'altra di contrastare le truffe che sempre più spesso hanno come vittime gli anziani che vivono soli. La presenza di una persona giovane molto spesso aiuta a scongiurare questi spiacevoli episodi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Budrio: un morto e un ferito sulla Trasversale di Pianura

  • La dea bendata bacia il Christian bar: in via Toscana vinto 1 milione di euro

  • Virus cinese: cos'è, come si diffonde e come proteggersi

  • SPECIALE | Elezioni regionali Emilia Romagna 2020: dalle interviste ai candidati a tutte le info utili al voto

  • People Mover, avvio il 7 marzo per la navetta veloce tra aeroporto e stazione

  • Regionali Emilia Romagna 2020, tutti i programmi elettorali

Torna su
BolognaToday è in caricamento