Evasori tasse comunali, l'assessore Conte: "Pignoramento conti solo a chi ha denaro"

Il nostro "non è un bilancio di conti e di contabili. E' il volto delle persone"

Il Comune di Bologna pignora i conti agli evasori delle imposte comunali, ma non quelli più "scarni". E' l'assessore al Bilancio Davide Conte a rispondere in Question Time alla consigliera leghista Francesca Scarano in merito al ventilato pignoramento dei conti bancari che sarebbe contenuto nella "Manovra economica 2020", stilata dal Governo.

"E' la politica migliore che può fare l'amministrazione", appunto "usare i soldi che le sono dovuti, non aumentare le tasse, prendere questi soldi e restituirli ai cittadini in termini di servizi e di politiche", ma chiarisce "se uno non ha i soldi non gli pignoriamo il conto, ovviamente. Se uno fa fatica ci allineiamo e stiamo attenti. Da parte di questa amministrazione la linea è chiara e questo bilancio ha un grandissimo volto umano, non è un bilancio di conti e di contabili. E' il volto delle persone e alle persone noi portiamo rispetto e cerchiamo di aiutarle e questo è il lavoro che stiamo facendo".

"Non c'è nessuna novità nella norma in senso significativo per noi, se non di semplificazione per i cittadini e di maggior chiarezza nelle relazioni- sostiene Conte- Nella confusione della legge si annidano sempre i rischi e gli errori, in questo modo noi cerchiamo di lavorare meglio e rispettare i nostri cittadini". Tuttavia gli evasori a Bologna sarebbero una minoranza. "Circa il 10% ai quali capita di evadere per vari motivi e per varie situazioni - mentre - c'è una maggioranza del 90-95% che paga le tasse e che ci chiede semplificazione. La norma va in quella direzione e cioè nella direzione di rendere più semplice e più chiaro il rapporto fondamentale previsto dalla Costituzione sul rapporto fiscale tra i cittadini, la politica, l'amministrazione e il Governo".

Ma la capogruppo di Fi al Senato Anna Maria Bernini, domani a Bologna per la campagna elettorale in vista delle regionale accanto a Lucia Borgonzoni, attacca: "Ecco finalmente qualcosa in cui il Comune di Bologna è virtuoso: i pignoramenti", scrive in una nota. L'amministrazione bolognese, secondo Bernini, "è perfettamente in linea con l'esecutivo nazionale, sposando in pieno una manovra che ammazza di tasse i contribuenti e colpisce i risparmi se poi non riesci a pagare: non c'è alcuna differenza. E gli emiliano-romagnoli lo hanno capito ormai da tempo. Forza Italia e il centrodestra unito dice basta ai governi delle tasse, del sospetto, del continuo onere a carico dei cittadini. Dall'Emilia-Romagna, il prossimo 26 gennaio, può davvero partire l'onda che spazzera' via, a livello nazionale e locale, questi governanti dediti solo a marchiare i cittadini come potenziali evasori". (dire) 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

Torna su
BolognaToday è in caricamento