Si chiama "RoomMate" la app pensata per facilitare la vita dei coinquilini

Gestione dei turni delle pulizie, liste di commissioni da portare a termine e bollette da pagare: tutte le problematiche dei coinquilini risolte grazie ad una app? E' l'idea di 5 giovani studenti

Non poteva che essere concepita in una città universitaria come Bologna, dove (con o senza le difficoltà deminciate proprio negli ultimi giorni) sono tantissimi gli studenti che condividono un appartamento: è una app che potrebbe aiutare i "roomate" a tenere facilmente conto delle spese, organizzare i turni delle pulizie, pagare le bollette nei tempi. 

L'idea è di cinque giovani: si tratta di una applicazione mobile pensata per semplificare la vita a chi condivide un appartamento e le sue funzioni permettono una gestione efficace dei doveri da svolgere e anche una chat sulla quale comunicare velocemente. Il resto lo abbiamo chiesto direttamente a loro: 

Cos'è RoomMate, da chi e quando nasce? 

RoomMate è un’applicazione che ha come obiettivo semplificare e gestire tutti gli aspetti della convivenza in casa tra coinquilini, familiari o amici, organizzando ogni aspetto della casa in modo immediato e condiviso.

L'idea è nata l'estate scorsa dalla mente di Matteo Bucci ma ben presto altri quattro ragazzi si sono subito uniti nel cercare di renderla realtà. Tutti e cinque abbiamo condiviso appartamenti con altri ragazzi in questi anni ed abbiamo deciso di unire le nostre esperienze in un team che ha partecipato allo startup day 2017 organizzato dall'Università di Bologna e che tutt'ora è seguito nel programma di CoWorking con l'associazione StartYouUp.

Matteo Bucci è il primo fondatore di RoomMate, sta frequentando una laurea magistrale in Ingegneria Informatica ed è lo sviluppatore dell’applicazione per la piattaforma Android. Mirko Martignon, nato in Trentino-Alto Adige, studia Ingegneria Informatica presso l’Università di Bologna e si occupa dello sviluppo di RoomMate per la piattaforma iOS. Farzin Khairkhah è laureato in Design del Prodotto Industriale presso l’Università di Bologna, per RoomMate cura le grafiche dell’applicazione, del sito web e dei post sui social media.

Davide Lombardini è laureando magistrale in Direzione Aziendale presso l’Università di Bologna e si occupa della parte strategica e di Business Development.

Mattia Raffaelli, recentemente aggiuntosi al gruppo, studia Business and Administration presso il Campus di Forlì dell’Università di Bologna e, con Davide,  si occupa di strategia e Business Development.

Come questa idea è diventata concreta, con quali difficoltà e con quali investimenti? 

L'idea si è concretizzata quando abbiamo capito che i problemi che avevamo non erano limitati solamente a noi, ma riguardavano tutti coloro che si trovavano a convivere con altre persone. Abbiamo cercato soluzioni già esistenti sul mercato, tuttavia esse non erano presenti oppure presentavano soluzioni parziali. 

In questo ultimo anno abbiamo lavorato costantemente nello sviluppo dell'applicazione che abbiamo portato avanti parallelamente ai nostri studi universitari. La difficoltà principale è stata riuscire a conciliare lo studio ed il lavoro, cosa che tuttavia siamo riusciti a fare mettendoci grande impegno e dedizione. 

Fino ad oggi, abbiamo investito tanto tempo - condito da una forte passione - nello sviluppo di RoomMate. Stiamo procedendo in questo periodo con i primi investimenti in marketing promozionale, in modo da far conoscere un servizio che per può veramente semplificare la vita degli studenti fuorisede.

Voi quattro siete stati coinquilini fra voi o comunque avete diviso appartamenti con altri ragazzi: quali sono le maggiori difficoltà e anche fonti di discussioni/problemi?

Abbiamo tutti vissuto a Bologna come studenti fuori sede ed abbiamo sperimentato sulla nostra pelle i problemi e le discussioni che sorgono quando si condivide un appartamento con altre persone. Ogni ragazzo del team si è ritrovato ad avere particolari difficoltà con i propri coinquilini e questo ha permesso di poter capire quali potevano essere i principali strumenti per poterle risolvere. La nostra difficoltà maggiore è stata quella di rendere semplice ed intuitivo qualcosa che per natura crea litigi e perplessità come le faccende domestiche o le bollette da dividere.
Questa è la nostra sfida ma pensiamo di potercela fare!

Una piccola descrizione tecnica della APP con le principali voci/funzioni?

RoomMate attualmente permette di dividere le spese tra coinquilini calcolando quanto ognuno deve e dare e ricevere per poter pareggiare i conti. E' presente una sezione dove poter inserire le bollette, venir notificati quando queste stanno per scadere e poterle dividere come avviene con le spese. C'è la possibilità di inserire le faccende domestiche per poter tenere sempre sotto controllo i turni e sapere ogni settimana chi li ha rispettati e una lista di cose da fare condivisa tra i coinquilini in modo da non scordarsi mai quali sono le mansioni da svolgere. Le principali funzionalità sono queste quattro, tuttavia stiamo continuando ad aggiungere nuove funzioni ascoltando i primi consigli ricevuti: per esempio da qualche settimana è possibile avere una lista della spesa condivisa e ogni mese ci saranno tante novità per poter semplificare sempre di più la vita in appartamento. 

Da quando e come è scaricabile, quanto costa e quali i primi numeri sui download?

E' scaricabile da metà settembre sugli store Apple e Android ed è completamente gratuita in ogni funzionalità. In poco meno di un mese siamo riusciti a superare le 1500 installazioni e stiamo cercando di ottenere i primi feedback per capire dove migliorarci e come poter semplificare ulteriormente la vita a tutti i coinquilini. Questi numeri rappresentano per noi un traguardo e un impegno verso gli utenti stessi.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto a fuoco, morta giovane donna e Porrettana chiusa al traffico per ora

  • Non solo massaggi al centro estetico: blitz dei Carabinieri a Pianoro

  • Gianni Morandi racconta il dolore per la perdita della figlia

  • Maxi furto al bar: si finge acquirente e ruba 200mila euro di diamanti

  • Incidente sulla Statale: schianto tra auto, morta una donna

  • Morto in solitudine, gli amici si mobilitano per trovare i parenti: "Ivan se lo meritava"

Torna su
BolognaToday è in caricamento