Tassa sulle bevande zuccherate: "Filiera già in crisi, a Minerbio un grande stabilimento"

La cooperativa COPROB fondata nel 1962 a Minerbio è oggi rimasta l’unica realtà produttrice di zucchero italiano e può vantarsi dell’etichetta 100% made in Italy

"Nel contesto di un mercato saccarifero in drastico calo, appare quanto mai opportuno premiare le aziende italiane che utilizzano zucchero 100% italiano e favorire contratti di filiera basati su una maggiore equità e sostenibilità sociale che permetterebbero di mantenere una riserva strategica di zucchero". Lodice la Cooperativa Prodotti Bieticoli, l’unica filiera di zucchero 100% italiano con una produzione di 280.000 tonnellate di zucchero, prodotta negli stabilimenti di Minerbio Pontelongo. La cooperativa COPROB fondata nel 1962 a Minerbio è oggi rimasta l’unica realtà produttrice di zucchero italiano e può vantarsi dell’etichetta 100% made in Italy

Ed è COPROB a chiedere al Governo, mentre di parla di sugar tax, di rivedere questa misura. È necessario agire come sistema Paese con un approccio integrato, controllato e sicuro dal campo alla tavola che permette alle Istituzioni di riconoscere il valore dell’eccellenze del Made in Italy evitando di arrecare un danno ingiustificato e gravissimo: "Siamo fortemente contrari a qualsiasi iniziativa che porterebbe ad una tassazione penalizzante per le bevande che contengono zucchero e che avrebbe un impatto devastante anche sull’intera filiera bieticolo‐saccarifera italiana che già sta attraversando una crisi senza precedenti".

A fronte di una riforma europea dell’OCM zucchero entrata in vigore il 1 ottobre 2017, senza clausole di salvaguardia e disegnata per favorire i grandi produttori del nord Europa, Francia e Germania in testa, in questa particolare fase di grave crisi una qualsiasi forma di tassazione rappresenterebbe perciò per la filiera zucchero l’intonazione del “De profundis”.

"In un contesto di consumo di zucchero in Italia nelle bevande in netto calo, non sono accettabili ulteriori interventi penalizzanti, discriminatori, che hanno l’unico obiettivo di fare cassa e non affrontano la tematica salute favorendo esclusivamente l’uso di edulcoranti chimici al posto di un prodotto coltivato nel territorio nazionale. In Italia sono 7.000 le aziende agricole che conferiscono barbabietole agli zuccherifici con 30.000 ettari coltivati, garantendo una corretta rotazione agronomica e contribuendo alla sostenibilità dei territori" precisa COPROB. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tali aziende, che rappresentano circa 20‐25.000 persone concentrate in Veneto ed Emilia-Romagna, con le proprie circa 250.000 tonnellate di zucchero prodotto (pari circa ad un 15% della domanda italiana) sono l’ultimo baluardo di una produzione locale, di qualità, che rispetta ogni regola sociale e ambientale, sicura e stabile, in grado di soddisfare la crescente domanda di prodotti alimentari made in Italy.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Coronavirus, bollettino 29 maggio Bologna e provincia: la situazione comune per comune

  • Bonus bici elettriche e monopattini: chi può chiedere i 500 euro

  • Coronavirus, bollettino Emilia Romagna: +24 casi e ancora 8 decessi

  • Mercurio dà spettacolo: come e quando osservarlo a occhio nudo

  • Coronavirus, bollettino Emilia-Romagna: +38 casi, 24 trovati tramite screening

Torna su
BolognaToday è in caricamento