Terremoto, intesa con le banche: finanziamenti alle aziende colpite

Il sistema del credito emiliano-romagnolo sostiene la ricostruzione, firmato a Bologna l'accordo: ecco le modalità

Sigla protocollo

Il sistema del credito emiliano-romagnolo sostiene la ricostruzione. Ieri, infatti, è stato firmato a Bologna in viale Aldo Moro un protocollo che prevede un impegno comune tra Regione Emilia-Romagna, banche, Consorzi fidi e associazioni imprenditoriali per la disponibilità di finanziamenti a favore delle imprese colpite dal terremoto.
A sottoscrivere l’intesa oltre la Regione Emilia-Romagna - rappresentata dall’assessore alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli - i rappresentanti delle associazioni imprenditoriali e gli istituti bancari (Unicredit, Banco Popolare, Monte dei Paschi di Siena, Bnl-Gruppo Bnl Paribas, Sanfelice 1893, Bper, Federazione Bcc Emilia-Romagna,Intesa San Paolo-Carisbo e Unipol).

Il Protocollo prevede linee di finanziamento a medio lungo termine a tassi contenuti, in grado di consentire la rapida ripresa dell’attività produttiva e la piena funzionalità degli immobili e delle attrezzature delle imprese. Prevista la destinazione di un primo plafond di Risorse della Cassa Depositi e Prestiti e della Banca Europea per gli Investimenti da concordare con le banche per finanziamenti destinati alla messa in sicurezza, alla ricostituzione delle scorte, alla ricostruzione degli immobili, all’acquisizione delle attrezzature nonché a processi di sviluppo delle imprese di tutti i settori produttivi, di durata variabile e compresa per i diversi interventi fra i 5 e i 15 anni. I costi delle pratichedovranno essere contenuti e si dovrà prevedere massima tempestività all’erogazione dei finanziamenti, tenendo conto dei tempi per l’acquisizione delle garanzia del fondo centrale e/o dei confidi regionali.
Inoltre  per le attività di servizio e professionali (escluse dai provvedimenti presenti nel Decreto legge 74/2012)  le banche potranno accordarsi con i Consorzi Fidi assicurando attraverso l’intervento della Regione le stesse condizioni di costo previste per le imprese.
Per quanto riguarda le imprese agricole, anche cooperative, è consentito il ricorso al fondo di garanzia ISMEA SGFA a copertura dell’80% delle operazioni di finanziamento concesse alle imprese agricole condotte da giovani e del 70%per le altre imprese agricole, con copertura dei costi secondo quanto previsto dal Decreto 74/2012.
I confidi, che concorrono alla messa a disposizione di garanzie a sostegno delle imprese dell’area, possono ricorrere a costo zero alla controgaranzia del fondo centrale di garanzia.

Per le grandi imprese, non direttamente rientranti nei provvedimenti previsti dal Decreto legge 74/2012, Regione, Banche e Consorzi fidi si adopereranno per mettere a disposizione, compatibilmente con le disponibilità delle risorse, di un plafond dedicato sul fondo di rotazione per gli investimenti della Cassa Depositi e Prestiti.
La Regione si impegna ad abbattere, anche per le grandi imprese, il costo finale del finanziamento e a mettere a disposizione delle impresecooperative, per le finalità connesse alla ricostruzione, il plafond di risorse disponibile sul fondo Foncooper.
Infine, si è concordato di istituire un comitato unico per la gestione di tutti gli intereventi a favore delle imprese, al fine di monitorare l’utilizzo delle risorse a disposizione, prevedendo la rappresentanza dei soggetti firmatari del Protocollo.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Mi difenderò, ma ora passo indietro": Bernardini verso le dimissioni dal Consiglio

    • Cronaca

      Cani che attaccano l'uomo, l'esperto: 'Non dipende dalla razza"

    • Incidenti stradali

      Incidente in via Emilia Ponente: furgoncino contro Bus, sette feriti

    • Cronaca

      Uscita autostradale 'Aeroporto', Merola: "Non sembra sia utile"

    I più letti della settimana

    • Lamborghini, intesa azienda-sindacati: nuovo stabilimento, 200 assunzioni

    • Esuberi annunciati: soccorritori e autisti delle ambulanze incrociano le braccia

    • Imprese a rischio: a Bologna 500 posti di lavoro in meno nei prossimi sei mesi

      Torna su
      BolognaToday è in caricamento