Abstract now! Italy

MAGMA gallery è lieta di presentare “Abstract Now! Italy”, dal 22 febbraio al 24 aprile 2020, coinvolgendo alcuni fra i più importanti nomi dell’arte urbana italiana e fra i più interessanti nel panorama internazionale.
Attraverso una selezione di opere degli artisti 2501, Alberonero, Aris, Ciredz, Martina Merlini, Sten Lex, Tellas,
MAGMA gallery intende proporre una preziosa istantanea dell’Astrattismo Urbano contemporaneo,
focalizzando l’attenzione su una corrente sempre più apprezzata a livello mondiale. Grazie ai grandi nomi
coinvolti, questa mostra vuole essere una sorta di punto fermo, una possibilità di osservare come l’arte non
figurativa si sia evoluta raccogliendo e sperimentando declinazioni differenti.
Tellas (Cagliari, 1985) inizia proprio dalla sua terra, la Sardegna, la ricerca artistica: le sue opere sono una
visione intima e personale dei paesaggi naturali che lo circondano, realizzate in un processo meditativo e
pittorico. Le modalità attraverso cui esprime il suo stile sono le più varie, a conferma della volontà di
sperimentare e sviluppare linguaggi differenti. Nel 2015 completa un’enorme opera pubblica a Cagliari, città
capitale della cultura italiana per quell’anno. Di rilievo sono anche le collaborazioni con alcuni brand storici
di moda italiana, tra cui Ferragamo e Marni. Con quest’ultimo, Tellas realizza in due periodi differenti dei
video e dei progetti, presentati anche in occasione della 56° Biennale di Venezia. Nel 2018 le sue opere sono
state esposte al Museo Gagliardi di Noto in occasione della mostra “ABSTRACTA – da Balla alla Street Art”,
che ripercorre un secolo di pittura astratta italiana dai precursori Futuristi fino ai più significativi artisti
contemporanei provenienti dalla street art.
Martina Merlini (Bologna, 1986) vive e lavora a Milano. Dall’illustrazione all’astrazione geometrica; un
percorso che porta l’artista a sperimentare e conoscere sé stessa attraverso diversi contesti espressivi come,
tra gli altri, street art ed installazioni. Numerose le esposizioni dedicatele, sia in Europa che in America e
Australia. Tra i vari eventi e festival internazionali cui prende parte si ricordano Living Walls, primo festival di
street art femminile tenutosi ad Atlanta (USA) nel 2012, ed il prestigioso Le Mur a Parigi, nel 2015. Nel 2017
ha esposto presso il Museo Archeologico di Grosseto in una collettiva con importanti nomi tra cui Alighiero
Boetti, Michael Johansson, Pennacchio Argentato, Luca Pozzi e molti altri. Nel 2018 ha preso parte a mostre
in Messico, Hong Kong, San Francisco, Madrid e nel 2019 ha esposto le sue opere nel Museu Nacional de
Belas Artes di Rio de Janeiro.
Sten (Roma) e Lex (Taranto), entrambi classe ’82, sono considerati i principali maestri italiani della tecnica
dello stencil. Il loro comune percorso artistico nasce a Roma nel 2001 e le loro opere sono tutte
estremamente grafiche, caratterizzate dall’uso e del bianco e del nero. Dall’inizio romano, le opere di Sten
Lex sono diventate parte del paesaggio urbano di città come Londra, Parigi, Barcellona e New York. Nel 2008
inoltre sono stati gli unici artisti italiani invitati da Banksy al Cans Festival, assieme ad altre personalità di
spicco della street art internazionale. Nel 2008 e nel 2010 hanno partecipato al Nuart Festival, Norvegia,
assieme ad altri importanti nomi come Blek le Rat, D-Face, Vhils e Roa. Nel 2013 le loro opere sono state
esposte presso il Museum of Contemporary Art di Oaxaca (Messico), nel 2017 al MACRO di Roma per la mostra "Cross the Streets" e “Brighter days are coming” presso lo Street Art Museum di San Pietroburgo. Nel
2018 hanno esposto al Museo Gagliardi di Noto in occasione della mostra “ABSTRACTA – da Balla alla Street
Art” e al MUCA Museum of Urban and Contemporary Art, Berlino.
Ciredz (1981, Cagliari), è uno degli artisti più innovativi dell’arte astratta urbana italiana: le figure che rappresenta si ispirano alla terra e allo studio della sua conformazione, andando quasi a creare delle mappe topografiche da leggere come segni infiniti che dalla realtà e dalla materialità conducono all’astrazione. Elemento centrale nel suo stile è il rapporto percettivo tra uomo e natura, la sua essenza mutevole, instabile e a volte ingannevole. Le sue opere su carta, su muro, le sue sculture e le sue enigmatiche e splendide installazioni sono state apprezzate in numerose esposizioni ed eventi nazionali ed internazionali, come il Katowice Street Art Festival in Polonia, il Muu Festival in Croazia, l’Asalto Festival e l’US Barcelona in Spagna, ed il celebre Village Underground Wall a Londra. Ha partecipato al progetto “Becoming Marni”, sviluppato nel nord est del Brasile nella regione Sergipe, presentato alla 56° Biennale di Venezia. Recentemente ha preso parte a diversi festival e progetti espositivi come il Fuorisalone di Milano, Campidarte di Cagliari, l’Upeart Festival in Finlandia e il Walk&Talk nelle Isole Azzorre.
Aris (Viareggio, 1978) ha iniziato la sua attività come street artist negli anni 2000 sui treni, per poi dedicarsi anche ai muri, prediligendo però luoghi dismessi e fatiscenti. Si è progressivamente allontanato dal lettering tipico dei graffiti cercando invece la figura, che nel tempo si è trasformata in un cumulo di sagome e forme astratte, talvolta antropomorfe, ma rigorosamente bidimensionali, che sembrano popolare un universo parallelo. Nella sua ricerca il supporto e lo spazio in cui esso si manifesta assumono grande rilevanza, perché il viaggio e la necessità di esplorare diventano parti fondamentali del suo lavoro. È stato tra i protagonisti della mostra al PAC di Milano, “Street Art, Sweet Art” nel 2007, la prima in Italia a consacrare ufficialmente, all’interno di un’istituzione museale pubblica, gli street artist della scena milanese e bolognese.
Alberonero (Lodi, 1991) giovane talento già capace di raggiungere importanti risultati. MAGMA gallery gli dedica una personale nel 2018, e nello stesso anno partecipa anch’egli all’importante collettiva “Abstracta” presso il Museo Gagliardi di Noto, con opere sia di grandi maestri italiani come Turcato, Perilli, Tancredi che della giovane generazione di urban artists italiani, assieme a Tellas, 2501 e Sten Lex. Nel 2017 realizza un grande progetto installativo a Favara, in Sicilia, per Farm Cultural Park. Importante poi, tra le altre, è la partecipazione a “Roma Arte Aperta”, collettiva presso l’Ex Dogana di Roma, con opere anche di giganti dell’arte come Alighiero Boetti, Sol LeWitt, Jannis Kounellis ed altri. Nell’ estate 2016 la ricerca si focalizza sulla relazione uomo-paesaggio con il progetto “Tre Colli” a Catanzaro per Altrove Festival. Nello stesso anno, Alberonero crea un’installazione in marmo di fronte all’Arena di Verona, simbolo della città.
2501 (Milano, 1981) lavora con un'ampia varietà di materiali, tra cui la pittura, l'installazione, la scultura, la fotografia e il film. Le linee di 2501 simboleggiano una incessante tessitura e scrittura sulla materia, sia essa ceramica, metallo, tela o carta, esaltata per esempio dalla sovrapposizione di strati di materiali differenti e permeata da una luce senza tempo che filtra tra le tracce, tra un segno e l’altro. Un flusso che diventa esso stesso struttura portante, riscrivendo nuove architetture compositive. Sia tramite installazioni che murales, la ricerca di 2501 è da sempre focalizzata sul rapporto arte/ambiente, alla ricerca di nuove strade espressive, rivolgendo grande attenzione anche alla performance, non solo al risultato. Nascono così progetti paralleli, come ad esempio “Nomadic Experiment” e “Glimpse of America” in cui l’agire, il fare, diviene esso stesso il fulcro creativo. Gli interventi site-specific dialogano con la topografia urbana, come nei rilevanti interventi a Los Angeles, Miami, Sao Paulo, Milano, Roma, Detroit, Chicago, Ulan Bator, New York, Atlanta, Kiev.
2501 ha esposto presso istituzioni prestigiose come la Triennale di Milano, il MACRO di Roma, il Centro per
l'arte contemporanea Luigi Pecci a Prato, la Reggia di Caserta, il MAC di Lissone e il Museum for Urban
Contemporary Art di Berlino. Nel 2013, ha partecipato a “Back 2 Back to Biennale”, un evento satellite
ufficiale della 55esima Biennale di Venezia. Nel 2009 ha vinto lo Street Art Award al Metropolis Art Prize 2009
con il video “Mask”, proiettato a Times Square, New York.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Videogame Art Museum": il museo dei videogiochi fra console e postazioni prova

    • Gratis
    • dal 2 febbraio al 31 maggio 2020
    • Videogame Art Museum
  • Etruschi, viaggio nelle terre dei Rasna al Museo Civico Archeologico

    • dal 7 dicembre 2019 al 24 maggio 2020
    • Museo Civico Archeologico
  • NOI... non erano solo canzonette

    • dal 29 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • Palazzo Belloni

I più visti

  • Teatro Duse, stagione 2019/2020: il cartellone conta 60 spettacoli, grande protagonista Gianni Morandi

    • dal 4 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Teatro Duse
  • TEA - Teatro EuropAuditorium: musical, concerti, danza e grandi eventi. Il programma 2019/2020

    • dal 27 settembre 2019 al 21 aprile 2020
    • TEA Teatro Europa Auditorium
  • Teatro Arena del Sole e Teatro delle Moline: la programmazione 2019/2020

    • dal 15 settembre 2019 al 9 aprile 2020
    • Teatro Arena del Sole
  • "Videogame Art Museum": il museo dei videogiochi fra console e postazioni prova

    • Gratis
    • dal 2 febbraio al 31 maggio 2020
    • Videogame Art Museum
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento