Compagnia Diapason: 'Come è profondo il mare' al Teatro Moline

"Come è profondo il mare" di Gianpaolo Pasqualino regia Gianpaolo Pasqualino con Federico Antonello, Giulia Mancini, Gaetano Mongelli, Gianpaolo Pasqualino, Zoe Pernici costumi Giovanna Mazzola videomaking Marco Drillo Foti illustrazioni Giulia Privitera comunicazione Serena Giudici produzione DIAPASON residenza ERT ‐ ARENA DEL SOLE, con il sostegno di REGIONE EMILIA ROMAGNA, in collaborazione col CENTRO LA SOFFITTA DELL'UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

"Che cosa è un'artista, una sorta di Cristo che sacrifica tutto e tutti per chi gli ha costruito la croce"? "È possibile che Eichmann e i suoi milioni di complici stessero semplicemente eseguendo degli ordini?" Da queste due domande, dalla più misteriosa canzone di Lucio Dalla e da Orgia di Pasolini prende origine il nostro lavoro. Ad oggi, è ancora necessaria la figura dell'artista? Esiste ancora la libertà creativa? O più in generale, esiste ancora la libertà? L'artista come eroe sociale, come figura indispensabile allo sviluppo di una società al pari del dottore o dello scienziato, è ormai un'utopia? E nel caso in cui lo fosse, cosa rimane da fare a questo esercito di uomini disarmati della loro linfa vitale? Rilanciare, tentando disperatamente di trovare una nuova forma d'arte, o abbandonare l'arte inesorabilmente alla sua agonia? Il secondo spunto di riflessione è la frase che diede il via all'esperimento di Stanley Milgram.

ilgram reclutò dei volontari tramite un annuncio su un giornale. Fu loro comunicato che avrebbero collaborato, dietro ricompensa, a un esperimento sulla memoria. Nella fase iniziale della prova Milgram, assieme a un collaboratore complice, assegnava con un sorteggio truccato i ruoli di "allievo" e di "insegnante": il volontario ignaro era sempre sorteggiato come insegnante e il complice come allievo. L'insegnante doveva leggere all'allievo una serie di coppie di parole, compito dell'allievo era memorizzarne più possibile. In caso sbagliasse gli accoppiamenti, l'insegnante doveva infliggere una scossa elettrica, aumentando l'intensità a ogni errore dell'allievo. Contrariamente alle aspettative, nonostante i 40 soggetti dell'esperimento mostrassero sintomi di tensione e protestassero verbalmente, una percentuale considerevole di questi obbedì pedissequamente allo sperimentatore. L'esperimento risale al 1961. Perché sentiamo il bisogno di parlarne ancora? Perché l'esperimento è stato replicato nel 2011 ed ha ottenuto pressoché gli stessi risultati. Dunque non è solo la libertà creativa, ad essere in pericolo, ma il libero arbitrio stesso. Dov'è dunque la soluzione? Votare la propria vita ad una causa apparentemente perdente o vivere in un compromesso illusorio e meraviglioso? Due artisti bolognesi hanno risposto a questo interrogativo con la loro vita, ispirando la drammaturgia di "Come è profondo il mare": Lucio Dalla e Pier Paolo Pasolini. Entrambi, anche se in maniera diversa, hanno tentato disperatamente di ridonare all'artista dignità, libertà intellettuale e forza sociale, anche a costo di mettere a repentaglio la loro stessa sopravvivenza di artisti e di uomini. Come è profondo il mare" è il primo spettacolo prodotto dalla Compagnia DIAPASON e si pone come suo manifesto artistico, tra l'importanza della figura dell'attore nella società e il peso etico dell'onestà drammaturgica.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Teatro Duse, stagione 2019/2020: il cartellone conta 60 spettacoli, grande protagonista Gianni Morandi

    • dal 4 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Teatro Duse
  • Maya Orfei - Circo Madagascar a Bologna fra acrobati e il leone bianco Artù

    • dal 20 dicembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Via Stalingrado
  • TEA - Teatro EuropAuditorium: musical, concerti, danza e grandi eventi. Il programma 2019/2020

    • dal 27 settembre 2019 al 21 aprile 2020
    • TEA Teatro Europa Auditorium

I più visti

  • "Chagall. Sogno d’amore": la mostra a Palazzo Albergati

    • dal 20 settembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Albergati
  • Bologna per la musica

    • dal 1 marzo 2019 al 1 marzo 2020
    • club ICON ex MUSICHIERE 
  • Botero: a Palazzo Pallavicini una inedita mostra sull'icona dell'arte sudamericana (prolungata)

    • dal 12 ottobre 2019 al 26 gennaio 2020
    • Palazzo Pallavicini
  • Art City White Night: la notte bianca dell'arte sabato 25 gennaio 2020

    • solo domani
    • Gratis
    • 25 gennaio 2020
    • Vari luoghi della città
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento