Al Bononia 189 a.C. i 'Vino Tinto'

Martedì 22 dicembre #051JAZZ al Bononia 189 a.C. è con i "Vino Tinto", una formazione musicale che fonde le atmosfere della musica latina con il linguaggio del jazz: Federico Sportelli al sax tenore, Massimo "Bill" Testa al piano elettrico, Davide Blandamura al basso elettrico, Leo "Pestoduro" Ghezzi alla batteria, Fred Guarneri alle percussioni. I brani, tutti originali, sono caratterizzati dalla cura degli arrangiamenti e dalla teatralità dei musicisti sul palco.

"Bologna ha una grande vocazione per la musica, nel nostro piccolo stiamo provando a creare un locale dove poter suonare in libertà, senza limiti, del puro jazz. Sul palco del Bononia 189 a.C. sono già passati una quarantina di artisti affermati e di talento e non abbiamo intenzione di fermarci" spiega Gianmarco Benassi, nuovo proprietario del Bononia 189 a.C. I concerti, gratuiti, iniziano alle 21.30 in via Sacco e Vanzetti 10.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Bologna per la musica

    • dal 1 marzo 2019 al 1 marzo 2020
    • club ICON ex MUSICHIERE 
  • Gianni Morandi e "Stasera gioco in casa – Una vita di canzoni": le date dei concerti a Bologna

    • dal 1 novembre 2019 al 27 febbraio 2020
    • Teatro Duse
  • Teatro Arena del Sole e Teatro delle Moline: la stagione 2019-2020

    • dal 11 ottobre 2019 al 30 maggio 2020
    • Teatro Arena del Sole e Teatro delle Moline

I più visti

  • "Chagall. Sogno d’amore": la mostra a Palazzo Albergati

    • dal 20 settembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Albergati
  • Bologna per la musica

    • dal 1 marzo 2019 al 1 marzo 2020
    • club ICON ex MUSICHIERE 
  • Teatro Duse, stagione 2019/2020: il cartellone conta 60 spettacoli, grande protagonista Gianni Morandi

    • dal 4 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Teatro Duse
  • Maya Orfei - Circo Madagascar a Bologna fra acrobati e il leone bianco Artù

    • dal 20 dicembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Via Stalingrado
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento